Excite

Franco Fiorito a Porta a Porta: "Polverini non sapeva. Io non ho rubato"

  • YouTube

Come nella migliore tradizione politica italiana, ieri sera Renata Polverini e Franco Fiorito sono andati in tv a rendere la propria versione dei fatti: la prima a Piazzapulita, il secondo a Porta a Porta. E da Vespa l'ex capogruppo consiliare del Pdl è stato protagonista di un'intervista che ha immediatamente scatenato il web e in particolare Twitter, con gli ashtag #Fiorito e #Portaaporta a fare staffetta nella top ten.

Renata Polverini a Piazzapulita: "Sono stata tradita, ma niente dimissioni"

In sostanza, Fiorito ha ritrattato le accuse che avrebbe (?) fatto ieri alla governatrice del Lazio durante l'interrogatorio davanti ai pm, dicendo: "Di queste cose con Polverini non ne ho mai parlato e non credo che lei sapesse. Il presidente del consiglio regionale sono certo che sappia, ma la presidente della Regione non lo so". Un bel distinguo, che avvalora la difesa della prima a Piazzapulita: "Sono stata tradita" ha infatti detto Polverini a Formigli, da "un sistema che sperava di farla franca anche in un momento difficile come questo".

Quindi, mentre la presidente della Regione era all'oscuro degli sperperi del suo consiglio, l'ex capogruppo invece è una vittima: "Ai miei danni c'è stata una congiura: sono stato sfiduciato perché volevo controllare i conti del gruppo" ha detto Fiorito a Porta a Porta. La sua posizione infatti è chiara: "Ai magistrati ieri ho portato quasi sei milioni di euro di ricevute delle spese di tutto il gruppo e penso di aver chiarito tutto: non ho preso i soldi e sono scappato, io ho agito all'interno della legge".

Legge deprecabile, per carità: "Purtroppo il sistema non funziona e gli elettori fanno bene a sparire, con quello che succede in questi giorni" ma, prosegue ancora Fiorito, "tutto è stato fatto secondo la legge regionale. E' tutto rendicontato e ho portato le ricevute ai magistrati. Io non ho trasferito i soldi all'estero, ho deciso di versare il mio stipendio ma non sono scappato con una valigia in Svizzera. E' tutto tracciato e bonificato ed è completamente falso che ho portato soldi del partito all'estero".

L'ex capogruppo Pdl ha quindi precisato che la cifra da lui incassata durante la permanenza in consiglio regionale "è più bassa dei 750mila euro riferiti da Battistoni: in due anni ho incassato 500-600 mila euro, ma la dotazione prevista sarebbe stata comunque di circa novecentomila. Certo non mi sento in credito, ho avuto molti più soldi di tante persone", mentre per quanto concerne la sua disponibilità 'personale' Fiorito spiega di aver ereditato dal padre, morto qualche tempo fa, "appartamenti in Italia, terreni e ville a Tenerife". (Ed ecco che la sua versione collima con quella di Polverini a Piazzapulita: "Sapevo che stava bene di famiglia, ma non mi sono fatta altre domande").

Franco Fiorito risponde a Vespa a Porta a Porta, il video

Vespa prova a mettere in difficoltà l'ospite, ma con una battuta che gli vale su Twitter il commento: "Televisivamente, comunque, Fiorito una spanna sopra gli altri", l'ex capogruppo Pdl 'ammorbidisce' immediatamente l'interlocutore: "Certo che se lei che è il migliore giornalista italiano non ha chiara la situazione...". Così, tra una schermaglia e l'altra, l'intervista si avvia alla fine, con alcuni momenti destinati a diventare cult-trash, come Fiorito che dichiara tra lo schifato e lo scandalizzato "io non sono come Lusi e Belsito" o "non entro in un supermercato da oltre vent'anni e non faccio mai la spesa. Vuol dire che verrò crocifisso per un panino con la porchetta" e ancora "vorrei sapere perché mi chiamano 'er Batman', io sono di Anangni e da noi er non si dice". Per non parlare della scritta enorme che pubblicizza l'esclusiva: "A Porta a Porta si sono adeguati alla stazza di Fiorito? La scritta 'Esclusiva' è gigantescamente ridicola..." scrive un utente su Twitter. Tutta roba forte insomma, come chiosa qualcuno: "Il mio televisore aveva sopportato Ferrara, ma su #Erbatman proprio non ha resistito. S'è dato la morte. #portaaporta".

politica.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017