Excite

G8: Barack Obama ne parla con Bono Vox

Su Repubblica di questa mattina si possono leggere le domande che Bono Vox degli U2 ha rivolto al presidente degli Usa Barack Obama e che sono state pubblicate dal Monday's Globe and Mail.

Il leader degli U2, da sempre attivo nella lotta contro la povertà, parla con Obama di sviluppo e degli impegni assunti dagli Usa per il raggiungimento degli Obiettivi di Sviluppo del Millennio e il presidente risponde che 'la sfida è garantire che onoreremo gli Obiettivi e nel frattempo pensare: a come noi possiamo trovare altre fonti di capitale; a come i Paesi in via di sviluppo possono cogliere l'occasione mettendo in atto le giuste politiche e istituzioni; infine, a come tutti insieme possiamo trovare nuove modalità per accelerare il progresso negli anni a venire'.

Obama si dimostra fiducioso quando sostiene che 'è ancora presto, ma per l'inizio del summit speriamo di essere in grado di dire che abbiamo allocato le risorse per i programmi nazionali, per la ricerca e lo sviluppo, che abbiamo istituito un nuovo fondo fiduciario che risponde alla Banca Mondiale e che siamo pronti a trattare disponendo di risorse, consulenza tecnica, aiuti e della volontà di investire in qualità di partner'.

'Cosa risponde a coloro che potrebbero chiederLe perché gli Usa dovrebbero investire tempo e risorse per aiutare altri popoli e altri Paesi?', gli chiede ad un certo punto Bono al quale Barack Obama risponde quasi con dei proclami: 'lo sviluppo per gli Stati Uniti è un imperativo strategico e morale. Per troppo tempo abbiamo cercato di risolvere la povertà estrema e di porre rimedio alle sue conseguenze nel mondo, tra le quali le malattie epidemiche, l'instabilità politica, il crollo degli Stati, i flussi di rifugiati che passano da uno Stato all'altro, l'assenza di speranza e di opportunità che ogni crisi umanitaria comporta. La nostra sfida comune consiste nel dar forma al mondo che vogliamo avere in futuro cercando di accelerare lo sviluppo'.

'La novità', conclude Obama, 'è la nostra intenzione di portare lo sviluppo allo stesso livello di difesa e diplomazia. Difesa, diplomazia e sviluppo devono rafforzarsi a vicenda, ma ciascuno di essi porta una prospettiva e un insieme di competenze unici. Insieme, in ogni caso, ci rendono più forti, più efficienti e più produttivi'.

(foto by Repubblica)

politica.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016