Excite

George Clooney arrestato durante una protesta pro-Sudan

  • Twitter.com

George Clooney è stato arrestato durante una manifestazione presso l'Ambasciata del Sudan a Washington.

GUARDA IL VIDEO DELL'ARRESTO DI GEORGE CLOONEY A WASHINGTON

I manifestanti accusano il presidente del Sudan, Omar al-Bashir, di essere responsabile di una crisi umanitaria, avendo bloccato gli aiuti alimentari diretti ai sudanesi ribelli assediati sui Monti Nuba, ai confini della contea con il Sud Sudan.

Clooney aveva manifestato la propria intenzione di voler attirare tutta l'attenzione possibile sul Sudan questo venerdì...e pare ci sia riuscito! Ha occupato simbolicamente il suolo di proprietà dell'ambasciata e, come previsto, gli agenti hanno dovuto portarlo via "con la forza". Secondo l'attore "se non si interviene nei prossimi tre o quattro mesi si andrà verso un vero disastro umanitario".

Clooney è stato raggiunto anche da suo padre Nick, anch'egli arrestato. Il gruppo mostrava un cartello con scritto "Sudan: stop alle armi che generano la fame di massa".

Soltanto ieri (15 marzo), il Satellite Sentinel Project (Ssp), un progetto lanciato da George Clooney insieme a Onu, Google e Università di Harvard, per vigilare sulle possibili violazioni dei diritti umani in Sudan, aveva denunciato un nuovo e probabile attacco da parte delle forze di Khartoum contro alcune forze ribelli. A essere presi di mira i ribelli dei monti Nuba nello Stato del Sud Kordofan, già attaccati nei mesi scorsi con numerose vittime.

"Il regime di Khartoum è stato sorpreso mentre stava bombardando i suoi civili" - ha affermato John C. Bradshaw, responsabile della ong Enough Project - "La loro campagna di intimidazione contro i sudanesi che vivono nei monti Nuba sta usando delle tattiche che possono essere considerate crimini di guerra. La comunità internazionale intervenga immediatamente per fermarli".

politica.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016