Excite

Gerry Scotti vitalizio, appello a Renzi: "Aiutami a toglierlo". Twitter: "Sei un Signore"

  • Camera dei Deputati

Il caso Scotti come esempio dei paradossi di un sistema politico da riformare, ma anche del buon senso di chi non vuole più usufruire di privilegi difficili da giustificare agli occhi dell'opinione pubblica.

Vitalizio dei parlamentari, nuovo sistema in vigore dal 2012

Quello citato da Matteo Renzi durante il lungo colloquio con Bruno Vespa nella serata della “svolta buona” del suo mandato di presidente del Consiglio, non è il noto ministro della Prima Repubblica in attività fino agli anni ’90, ma l’altrettanto famoso conduttore televisivo di scuola Mediaset, meno conosciuto come parlamentare della Repubblica per una sola legislatura, dal 1987 al 1992.

Il Gerry nazionale, a quanto pare, vuol dare un segnale di buona volontà all’opinione pubblica chiedendo al nuovo governo una mano per eliminare il vitalizio da ex deputato, maturato ai termini di legge dopo 5 anni di partecipazione ai lavori della Camera (come eletto nelle fila del Partito Socialista Italiano ai tempi "d'oro" di Bettino Craxi) ed al quale non è possibile rinunciare, a meno che non intervengano gli organi istituzionali competenti.

“Noi gli daremo una mano e troveremo il modo di accontentarlo” ha assicurato il premier in carica davanti al pubblico del talk show serale di Raiuno, dando atto espressamente al volto noto della tv italiana di essersi “reso conto che anche il contributo personale è una cosa giusta”. Gerry Scotti vanta una lunga carriera da presentatore televisivo di successo, con all’attivo tanti programmi sulle reti del Biscione, mantiene da due decenni ottimi rapporti con l’editore di riferimento ed ex primo ministro Silvio Berlusconi, ma vuole chiudere i conti con un’esperienza politica ormai lontana nel tempo lasciando allo Stato i proventi del suo mandato in Parlamento.

Immediato, dopo la puntata di Porta a Porta e la citazione del segretario democratico, il ringraziamento da parte di Gerry Scotti, sempre via Twitter: "Grazie Matteo per aver citato il mio appello. In questo momento tutti devono dare una mano". A stretto giro di posta, i complimenti a scena aperta di decine di followers, pronti a tributare al conduttore il meritato riconoscimento di un gesto non proprio di moda tra gli ex politici, con tanto di osanna espliciti come "sei fantastico", "sei un Signore" e tanti altri messaggi lusinghieri sul profilo personale.

“Una persona può ancora oggi accumulare più pensioni, mentre la mia generazione non ne prende neanche una” ha aggiunto Renzi sullo stesso argomento, dopo aver ringraziato il celebre personaggio dello spettacolo per avergli “scritto su Twitter per formalizzare la richiesta di rinuncia al vitalizio da parlamentare.

politica.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017