Excite

Gheddafi a Roma, due giorni di incontri con le ragazze da convertire

Arrivato a Roma per il vertice Fao sulla sulla fame nel mondo il leader libico Gheddafi si è diviso tra l'incontro con il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi e due serate in compagnia di numerose hostess richieste per parlare del Corano.

Secondo quanto riporatato da Il Corriere della Sera, il leader avrebbe dormito per due notti di seguito nella residenza vicino a via Cassia. Imponenti le misure di sicurezza. Basti pensare che durante il passaggio di Gheddafi, scortato dal almeno venti automobili, un cono d'ombra elettronico isola i percorsi. Ieri il Colonello ha trascorso la mattinata alla Fao, nel pomeriggio si è fermato a piazza San Lorenzo in Lucina per un cappuccino e in serata ha raggiunto il premier a Palazzo Chigi per la cena.

Più tardi si è tenuto il secondo incontro, voluto dallo stesso Gheddafi, con le hostess dell'agenzia Hostessweb nella villa di via Caldonazzo, a Roma Nord. Per quasi tre ore le circa 250 ragazze hanno atteso il leader libico. Quando Gheddafi è arrivato ed è iniziato l'incontro si è parlato di religione, adulterio, violenza sessuale. Il Colonello ha preferito tacere a una sola domanda posta da una delle ragazze presenti. Quando, infatti, una hostess gli ha chiesto se fosse al corrente delle feste a Villa Certosa Gheddafi l'ha guardata negli occhi, le ha sorriso, poi si è messo un dito sulle labbra, in segno di silenzio.

Il leader libico è però intervenuto sulla dibattuta questione del crocefisso nelle scuole e ha detto: "La religione è una via tra Dio e l'uomo. L'importante è non mettere la religione nello stato: in Libia non obblighiamo nessuno a mettere la Mezza Luna. Chi vuole lo fa".

Ieri sera, dunque, si è svolta la seconda serata voluta dal Colonello. Se domenica sera però le ragazze hanno partecipato a una vera e propria lezione sull'Islam e il ruolo delle donne nel mondo musulmano, quello di ieri sera è stato più che altro un dibattito. In chiusura di serata Gheddafi ha comunque rilanciato l'invito alla conversione all'Islam tornando ad offrire a chi deciderà di farlo il suo sostegno ed appoggio per un viaggio alla Mecca.

Come riporatato da Il Messaggero, le ragazze hanno ricevuto un compenso di circa 75 euro lordi e in regalo dal rais una copia del Corano in versione italiana e una copia del suo volume "Il libro verde".

 (foto © LaPresse)

politica.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016