Excite

Gianfranco Fini dice 'no' alle elezioni e propone un patto di salvezza nazionale

Il Paese vive sospeso su questo dilemma: elezioni sì o elezioni no? Il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi è deciso ad ampliare la maggioranza, ma pensa anche a un restyling del suo partito forse proprio in vista del voto, e il presidente della Camera Gianfranco Fini parla ora di un patto di salvezza nazionale.

Anche Fini sembra voler evitare il voto. Intervistato dal quotidiano La Repubblica il presidente della Camera ha espresso la volontà di superare lo scontro degli ultimi mesi, sfociato con il voto al Senato e alla Camera dello scorso 14 dicembre. Secondo Fini il Paese è fermo e sfiduciato e le elezioni ora sarebbero dannose.

'Per il bene dell'Italia', Fini si è detto pronto a superare le difficoltà degli ultimi mesi e tende la mano tanto alla maggioranza quanto all'opposizione. Secondo il presidente della Camera, l'Italia è sul punto dell'asfissia e ha bisogno di 'convergenze tra maggioranza e opposizione'. Il patto di salvezza nazionale proposto da Fini è rivolto a 'tutti, non solo al governo', Pdl, Lega e Pd.

Il presidente della Camera ha affermato che il 14 dicembre ha preso atto di una sconfitta politica. 'Nel voto del 14 - ha detto Fini - c'è sicuramente la conferma che Berlusconi gode della maggioranza al Senato e alla Camera. Ciò che oggi si può fare seriamente è avanzare proposte per il prossimo futuro. Io vorrei iniziare l'anno con un auspicio: spero che nei prossimi mesi si compia un salto di qualità complessivo nel dibattito e nell'azione politica. E questo deve riguardare le forze della maggioranza e quelle dell'opposizione'. E ha aggiunto: 'Ci si può dividere nel dire che gli ultimi sei mesi del 2010 non hanno rappresentato un successo per nessuno? Non credo. Sarebbe invece molto pericoloso continuare a pensare che i prossimi sei mesi saranno come i precedenti. Il rischio è che si ampli la frattura con l'opinione pubblica. Si percepisce il senso di repulsione nei confronti della politica. Questo accade perché il Paese è fermo e sfiduciato. C'è l'incubo dell'abisso'.

Secondo il presidente della Camera le elezioni anticipate rappresentano una 'prospettiva rischiosissima per l'Italia'. Fini ha spiegato: 'In campagna elettorale non si fanno le riforme. Se poi la maggioranza riterrà di non poter governare, spiegherà il perché agli italiani e se ne assumerà la responsabilità. Ma sia chiaro che Futuro e Libertà e il Polo della nazione non temono le urne'.

Parlando proprio di Futuro e Libertà il presidente della Camera ha detto che a febbraio ci sarà un congresso e ha sottolineato: 'Abbiamo un'idea del centrodestra diversa da Berlusconi e Bossi. Senso delle Istituzioni, dello Stato, dell'etica pubblica, della legalità. Fli si muoverà con la sua identità insieme all'Udc, all'Api, all'Mpa e ai Liberaldemocratici. E anche nel Pdl tanti condividono questi ragionamenti'.

Nel corso dell'intervista Fini ha parlato anche delle sue presunte frequentazioni con una escort attribuitegli negli ultimi giorni e ha detto: 'E' solo fango. Non so da chi diffuso. Non ho mai conosciuto quella signora e chiunque affermi il contrario ne risponderà in tribunale'.

 (foto © LaPresse)

politica.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016