Excite

Governo battuto due volte alla Camera per la legge Comunitaria

  • Foto:
  • ©LaPresse

Quella di ieri non è stata una giornata facile per il governo. Alla Camera, infatti, è stato votato il disegno di legge Comunitaria e l'esecutivo è stato battuto due volte. La prima volta a parità di voti, la seconda volta i voti contrari sono stati 270 e quelli favorevoli 262. L'aula della Camera ha così bocciato l'articolo 1 della legge Comunitaria e il provvedimento è stato rinviato ad altra seduta.

Ciò che è emerso con evidenza dalla giornata di ieri è che nella maggioranza non c'è quella compattezza richiesta dal presidente del Consiglio Silvio Berlusconi. Un fatto non di poco conto se si pensa che siamo proprio a un passo dal voto cruciale sulla manovra correttiva.

A quanto pare tra gli assenti che hanno fatto mancare il loro voto ci sono stati ventisette deputati del Pdl, sei del gruppo dei Responsabili, quattro del gruppo misto riconducibili alla maggioranza, due della Lega nord. Gli assenti si sono contati anche nell'opposizione: nove deputati del Pd, sette dell'Udc, due dell'Idv. Ma nonostante tutto il governo è andato sotto.

Il leader della Lega Umberto Bossi ha parlato di 'incidente'. Bossi ha detto: 'Io c'ero, ma c'è gente che non va a votare. C'è gente che va al bar e che è stanca'. Ma l'incidente non è piaciuto al premier che subito si è recato a Montecitorio ed ha riunito i vertici del Pdl e della Lega per cercare di rimediare e capire il perché di tante assenze.

Nel frattempo il segretario del Pd Pierluigi Bersani ha commentato quanto accaduto alla Camera dicendo: 'Non stanno più in piedi'. Ma Bersani non è il solo a pensare che la maggioranza abbia le ore contate e dai banchi dell'opposizione più volte si è levato il grido: 'Dimissioni'.

politica.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016