Excite

Grecia, referendum: risultati incerti, anche gli ultimi sondaggi indicano testa a testa

  • Getty Images
Le previsioni sul risultato del referendum del 5 luglio in Grecia restano sempre incerte. Gli ultimi sondaggi, tra cui quello del quotidiano Ethnos, indicano un margine di 1 punto percentuale di differenza tra il “sì” (Nai in greco) all’accorso con i creditori e il “no” (Oxi) all’intesa per cercare un nuovo testo. Gli indecisi, poco più del 10% degli elettori, saranno decisivi per decidere l’esito della consultazione, Un dato è certo: la maggioranza vuole restare nell’Unione europea e anche nell’euro. Le urne sono state aperte in mattinata e chiuderanno alle 19 (ora italiana).

A seguire la parodia della conferenza stampa tra Tsipras e Merkel

Il premier Alexis Tsipras ha concentrato i suoi ultimi giorni di campagna elettorale proprio su questo aspetto: il referendum non è un pronunciamento sulla moneta unica o sull’intera Europa, bensì solo uno strumento per chiedere nuove condizioni sul piano da seguire. Per questo il numero uno del governo ha chiesto di votare “no”, sfidando apertamente la posizione del presidente della Commissione europea, Jean-Claude Juncker, schierato per il “sì”.

Lo scontro tra Schultz e Tsipras sul referendum

Addirittura il ministro delle Finanze, Yanis Varoufakis, ha rivelato che lascerebbe l’incarico governativo in caso di successo del “sì”. Una presa di posizione che conferma i rumors dei giorni scorsi: il risultato del referendum del 5 luglio provocherà in ogni caso uno scossone nella politica in Grecia, con inevitabili ripercussioni anche in Europa.

Il video di Manu Chao in favore dell'ixi alla Grecia

Infine, per quanto riguarda l’Italia, il presidente del Consiglio Matteo Renzi ha rilasciato dichiarazioni tranquillizzanti: “L’Italia non ha paura di conseguenze specifiche sul nostro paese: 3 o 4 anni fa eravamo il problema insieme alla Grecia, eravamo compagni di sventura, adesso non è più così grazie alle riforme e alla ripartenza dell'economia. Noi siamo dalla parte di quelli che cercano di risolvere il problema, non siamo più il problema”.

politica.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017