Excite

Guerra in Libia, Umberto Bossi avverte Silvio Berlusconi

Il primo raid armato dei caccia italiani in Libia è partito e lo scontro tra Lega e Pdl si fa più aspro. Di ora in ora la crisi libica sta dividendo sempre più il leader della Lega Umberto Bossi e il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi.

La guerra in Libia, tutti gli aggiornamenti

Rispondendo ai giornalisti che gli chiedevano cosa succederà se il premier non cambia la sua posizione sulla Libia, nella tarda serata di ieri Bossi ha detto: 'Può capitare di tutto'. Solo poco prima, in un comizio a Domodossola, il leader leghista aveva chiarito che la Lega 'non farà cadere il governo per la Libia'. Ma poi ha pronunciato parole che poco lasciano all'immaginazione.

Bossi ha ribadito la contrarietà del suo partito alla partecipazione italiana ai raid e ha affermato: 'Noi non facciamo un passo indietro'. La linea interventista del presidente del Consiglio non è condivisa dal leader del Carroccio e se si dovesse proseguire su questa strada allora potrebbe succedere di tutto. Bossi non vuol far cadere il governo per la Libia, lo ha detto chiaramente, augurandosi di 'trovare la quadra con Berlusconi', ma non intende neppure piegare la testa.

Nel suo comizio Bossi ha spiegato le ragioni che lo spingono ad opporsi fermamente all'intervento in Libia. 'Non va bene perché costa troppo - ha spiegato il leader leghisat - E poi se butti le bombe o i missili gli immigrati aumentano, scappano via tutti. Senza pensare che chi fa la guerra poi deve pagare magari per ricostruzione. Non è mai finita. Già una volta abbiamo pagato i danni della seconda guerra mondiale'.

E ancora: 'Finora abbiamo speso 15mila miliardi delle vecchie lire per cercare di fermare quelli che partono dalla Tunisia, una cifra ingentissima, spaventosa. Le immigrazioni clandestine costano in tutti i sensi. Non va mica bene le guerra'. Bossi ha poi così concluso: 'Secondo me con gli aerei non vinci. Gheddafi non lo sconfiggi così. Ha un sacco di armi nascoste nel deserto. Oltre che un sacco di oro in giro con cui si paga i militari che vengono dall'Africa. Se andiamo là a bombardare alla fine toccherà mandare le truppe di terra, se si vuole vincere. E' meglio stare fuori dei pasticci'.

 (foto © LaPresse)

politica.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016