Excite

Guerra Libia, Gheddafi non si arrende e incita alla guerra

  • LaPresse

Il Colonnello Muammar Gheddafi non si arrende. Sebbene ormai i ribelli siano arrivati a Tripoli e continuino incessanti i combattimenti il rais ha fatto sentire ancora una volta la sua voce e ha incitato i giovani alla guerra santa per 'purificare' la capitale.

La guerra in Libia: leggi tutti gli aggiornamenti

Le parole di Gheddafi - il video

Attraverso un messaggio audio diffuso dalla tv libica Gheddafi ha esortato i libici dicendo: 'Le tribù... devono marciare su Tripoli... Non lasciate Tripoli a quei ratti, uccideteli, sconfiggeteli rapidamente'. Secondo fonti del Consiglio nazionale transitorio (Cnt) il rais e alcuni dei suoi figli sarebbero asserragliati in un complesso residenziale nella parte centro-sud di Tripoli, nel quartiere di Abu Salim, non lontano dall'ex roccaforte di Bab al-Aziziyah. Le voci che si rincorrono dicono che Gheddafi e i suoi figli sono circondati da un commando di ribelli libici.

La battaglia non si ferma e gli insorti libici si stanno preparando all'attacco decisivo contro Sirte, città natale del Colonnello e sua ultima roccaforte. A riferirlo la Bbc. Nel frattempo i ribelli libici hanno annunciato che governeranno il Paese da Tripoli. Ali Tarhouni, che nel Cnt si occupa di petrolio e questioni finanziarie, ha detto: 'Proclamo l'inizio della ripresa dei lavori dell'ufficio esecutivo a Tripoli'.

politica.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016