Excite

Ignazio Marino candidato del Pd a sindaco di Roma, trionfa alle primarie

  • YouTube

E' Ignazio Marino il candidato del Pd per la corsa al Campidoglio. 58 anni, laureato in Medicina e Chirurgia presso l'Università Cattolica del Sacro Cuore e specializzato in trapianti, Marino è apparso come il vincitore delle primarie di Roma del Partito Democratico fin dai primi exit poll, schizzando (quasi) immediatamente al 50% e 'doppiando' il suo più immediato inseguitore, David Sassoli.

Primarie Pd a Roma: candidati e voto

Un risultato che ha spinto proprio Sassoli e l'altro grande favorito della vigilia, Paolo Gentiloni, a telefonare al medico per congratularsi per la vittoria e ammettere la sconfitta a metà dello scrutinio e a far twittare al segretario del Pd, Pierluigi Bersani: "#primarieRoma complimenti al #Pd e al centro sinistra di Roma per la partecipazione. E complimenti a @IgnazioMarino". In serata sono arrivati poi anche i complimenti del leader di Sel, Nichi Vendola.

"Grazie a tutti i romani che hanno trasformato questo esperimento di democrazia in una grande gioia", ha dichiarato Marino in un breve discorso al comitato elettorale, quando anche se ancora mancava l'ufficialità era chiaro che sarebbe stato lui il candidato sindaco di Roma per il Pd, aggiungendo: "Ora a fine maggio dobbiamo liberare il Campidoglio da una politica oscura. Noi cambieremo tutto e lo faremo insieme". Il medico ha quindi affermato di sentire di assumersi "una grandissima responsabilità" e ha lanciato il guanto ai grillini: "Li sfido: io intendo prendere tutte le decisioni strategiche con referendum di indirizzo. M5S è d'accordo?".

Primarie Pd Roma, Rom in coda ai seggi ed esplode la polemica: "Voti comprati"

Il programma di Marino, dall'efficace claim "Non è politica. E' Roma", si basa infatti proprio sull'assunto "trasparenza, merito e decisioni strategiche prese insieme ai cittadini con referendum di indirizzo", una dichiarazione di intenti che ha convinto gli elettori intercettando "la voglia di discontinuità di cui Roma aveva bisogno dopo anni di umiliazione con il centro destra", ha spiegato Nicola Zingaretti, aggiungendo che per questo si aspettava "una vittoria così ampia" e promettendo: "Con Marino faremo una grande campagna per la riscossa di Roma".

La vittoria schiacciante del medico di origini siciliane e svizzere sembra scrivere la parola fine alle polemiche dell'infuocata campagna elettorale - culminate sabato proprio con lo 'sgarbo' di Marino, che non si è presentato al dibattito di chiusura, preferendo andare in giro per Roma in bicicletta a incontrare i cittadini - e al duello senza esclusione di colpi tra lui, Sassoli e Gentiloni, il trio dei favoriti della vigilia. Non si spengono invece le accuse di voto truccato, con la bagarre scatenata ieri su Facebook dal membro della direzione regionale del Pd Lazio, Cristiana Alicata, che ha segnalato la presenza di lunghe file di Rom ai seggi. Una macchia che è un vero peccato in una giornata che ha segnato una grande vittoria del Partito Democratico, con un'affluenza altissima, tra 100 e 102 mila elettori.


Il discorso della vittoria di Ignazio Marino

politica.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017