Excite

Il governo ottiene la fiducia al Senato

Dopo aver conseguito la fiducia alla Camera dei Deputati, il governo ha ottenuto riscontri positivi anche al Senato, che ha votato la fiducia con 174 'sì' e 129 'no'. A favore Pdl, Lega, Fli, Mpa, Uv. Contrari Pd, Udc, Idv, Api, Io sud. Da segnalare le defezioni della Svp e dei senatori a vita, che nella giornata di ieri non hanno partecipato al voto.

I risultati oltremodo incoreggianti delle votazioni, hanno rinfrancato parecchio sia Berlusconi che Bossi, che temevano una possibile implosione dell'esecutivo.

Nello specifico il premier ha dichiarato: 'Ieri il governo ha avuto la maggioranza più ampia negli ultimi due anni, tutti, anche Fli, andranno avanti con la lealtà di sempre per aprire una grande stagione di riforme. La maggioranza è più forte'.

Positivi anche i commenti del 'senatur', che in precedenza aveva parlato perfino di elezioni anticipate: 'Ormai e' passata la fiducia, non si vota adesso. Andiamo avanti e pensiamo alle cose che deve fare il governo'.

Le votazioni di ieri sembrano dunque aver effettivamente accantonato la crisi in seno al governo, anche se diversi nodi restano ad oggi insoluti. La fiducia votata dai 'finiani' non è infatti indice di totale fedeltà. Basti pensare che la corrente Fli si è ufficiosamente unita all'Udc e al Pd al fine di promuovere la riforma elettorale. Questo accordo, seppure cicoscritto ad un unico obiettivo, potrebbe di fatto segnare o prefigurare la nascita del tanto paventato 'terzo polo', che sarebbe dunque una vera e propria 'spada di Damocle' pendente sul capo di Berlusconi.

(foto © LaPresse)

politica.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016