Excite

Il nuovo partito di Berlusconi, alla ricerca del nome giusto

Fiocco azzurro in arrivo. Il premier è pronto per la nascita del nuovo partito. Niente acronimi, però, per piacere. Qui tocca spremere le meningi e partorire il nome giusto.

Si spiffera - le ipotesi sono pubblicate oggi da La Stampa - che la soluzione fortemente voluta da Silvio Berlusconi sarà costituita da due parole, una delle quali Italia. Qualcosa tipo Amore (stile Cicciolina) o Felicità o Patria. O più semplicemente Libertà.

Berlusconi, d'altronde, sa che il vantaggio di tre voti alla Camera non è maggioranza. E così il premier che pensa alle elezioni vuole ripartire con un nuovo simbolo e tanta aria fresca.

Dei triumviri che gestiscono il Pdl, l'unico con un futuro è Denis Verdini. Sandro Bondi, a quanto pare, presto lascerà la Cultura. Ignazio La Russa è quello messo peggio, soprattutto per quella irrinunciabile tendenza ad insultare gli avversari. E malmessa appare anche Mara Carfagna insieme alla capricciosa Prestigiacomo.

Un nome, una certezza: Angelino Alfano, l'uomo che per conto di Berlusconi più sta lavorando al progetto. Il premier lo considera serio, riservato, capace di mediazione e di offensiva. L'unico vero erede e forse anche il coordinatore unico del partito.

Personaggi in bilico? Claudio Scajola e Daniela Santanché. Non mancano gli intoccabili: Gianni Letta e Giulio Tremonti. Infine i giovani. Il premier ha più volte spiegato che nel partito vorrebbe essere l'unico grande vecchio. Magari anche il più saggio.

(foto © LaPresse)

politica.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016