Excite

Caso Ruby, il padre di Barbara Guerra e le cimici a Fli

Si torna a parlare del caso Ruby e di Barbara Guerra, una delle agazze che frequentavano le feste di Arcore. O meglio. Del padre di Barbara Guerra, Innocenzo Guerra.

Tutte le notizie sul caso Ruby

Guarda le foto hot di Barbara Guerra

Da quanto emerso dalle intercettazioni depositate dai pm di Milano, e risalenti all'11 gennaio 2011, il padre della Guerra ha proposto al presidente del Consiglio Silvio Berlusconi di mettere una microspia nella sede milanese di Futuro e libertà. Definita da Innocenza Guerra 'la tana dei cospiratori'. Ma il premier ha deciso di non accettare la proposta. Al momento della proposta, il padre della soubrette era impegnato nei lavori di restauro della sede del partito di Gianfranco Fini.

Di seguito quanto emerso dalle intercettazioni. Parlando al telefono con la figlia, Innocenzo Guerra ha detto: 'Io gli volevo proporre se vuole mettere una microspia'. A quel punto la figlia gli ha chiesto se poteva davvero farlo e il padre ha risposto: 'Io c'ho le chiavi'. Aggiungendo: 'Se gli interessa si può fare'. La ragazza ne ha parlato con Berlusconi, il quale ha preferito lasciar perdere, 'meglio non farlo'. Barbara allora ha riferito la decisione del premier al padre, che ha domandato: 'E perché non è da fare?'. La ragazza ha risposto: 'Boh, forse ha paura che se esce qualcosa...'.

La notizia è stata così commentata dal vicepresidente Fli Italo Bocchino: 'E' veramente impensabile che lo scontro politico possa raggiungere livelli così bassi al punto tale da ipotizzare pedinamenti e istallazioni di cimici all'interno delle sedi di partito'.

 (foto © LaPresse)

politica.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016