Excite

Immigrazione, raggiunto l'accordo tra Italia e Tunisia

Alla fine ieri l'accordo volto a fronteggiare l'emergenza profughi tra Italia e Tunisia è stato raggiunto. Lunedì il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi si era recato a Tunisi per incontrare il suo omologo Beji Kaid Essebs (leggi la notizia). Il premier era poi rientrato senza un'intesa già sottoscritta, ma dopo l'incontro con il premier tunisino si era detto moderatamente ottimista.

Le immagini dell'incontro tra Berlusconi e il primo ministro della Tunisia

E ieri sera, intorno alle 19.00, il ministro degli Interni Roberto Maroni ha comunicato di aver raggiunto un accordo sull'immigrazione con il governo provvisorio tunisino, allo scopo di 'rafforzare la cooperazione, prevenire l'immigrazione clandestina e il traffico di esseri umani'.

Dopo la firma dell'intesa con Tunisi, Maroni ha affermato che l'intesa raggiunta tra l'Italia e la Tunisia ci consentirà di 'chiudere i rubinetti' dei flussi di immigrati irregolari. Il ministro dell'Interno ha poi detto: 'Sono soddisfatto. Si è trattato di un'operazione lunga e non facile, ma adesso inizia una fase di cooperazione più intensa, bisognerà attuarla, ma ci sono tutti i presupposti per il contrasto e la gestione dell'immigrazione irregolare'. Maroni ha spiegato: 'Oltre al rafforzamento della collaborazione tra forze di polizia, il patto prevede anche i rimpatri'.

Ieri il ministro non ha offerto ulteriori dettagli. L'intesa viene illustrata questa mattina a Palazzo Chigi. Ma alcune indiscrezioni sono trapelate. A quanto pare la Tunisia avrebbe accettato i respingimenti immediati di chi da ora in poi sbarcherà in Italia; chi è già in Italia otterrà un permesso temporaneo di soggiorno per motivi umanitari, che gli permetterà di circolare liberamente nel Paese per sei mesi; l'Italia fornirà alla Tunisia materiali per 100 milioni di euro consistenti in sei imbarcazioni per il pattugliamento, dieci veicoli fuoristrada, apparecchiature elettroniche per il controllo notturno della navigazione; non ci saranno pattugliamenti congiunti italo-tunisini al largo delle coste nordafricane; l'Italia, al di là dei rapporti bilaterali, si farà promotrice in Europa di un piano di crediti allo sviluppo per 4 miliardi e mezzo di euro a favore della Tunisia.

 (foto © LaPresse)

politica.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2014