Excite

Inchiesta di Bari, le telefonate tra Berlusconi e Tarantini

  • LaPresse

Gli atti depositati dai magistrati di Bari rivelano quanto assidui siano stati, tra settembre 2008 e maggio 2009, i contatti tra il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi e l'imprenditore pugliese Giampaolo Tarantini. Al centro delle loro conversazioni soprattutto le donne, quindi i commenti sulle performance sessuali, i giudizi estetici sul fisico delle giovani con particolare attenzione al lato B e poi le richieste: 'Chi mi porti stasera?'.

Tutto sull'inchiesta di Bari

Le carte prodotte nell'ambito dell'inchiesta di Bari parlano di una quarantina di ragazze facenti parte del giro. Ieri con la notizia della notifica di otto avvisi di conclusione delle indagini (leggi la notizia) erano stati fatti alcuni nomi e a quanto pare tra le più assidue frequentatrici del premier c'era la starlette Barbara Guerra. Pare che la giovane abbia accettato almeno in un'occasione di prostituirsi durante una festa privata a casa di Tarantini, mentre altre volte ha portato con sé qualche amica per rispondere agli inviti dello stesso Berlusconi.

Tra i nomi delle tante donne presenti nel fascicolo processuale c'è anche quello dell'argentina Belen Rodriguez, ai tempi fidanzata, ma in crisi, con il calciatore Marco Borriello. Belen e Berlusconi hanno parlato al telefono. Il premier la lusinga, le dice che è molto bella: 'Mi piaci molto, sei bellissima'. E poi si informa circa i suoi impegni televisivi.

Berlusconi sembra essere molto attratto anche da Manuela Arcuri. Il presidente del Consiglio la vorrebbe a Palazzo Grazioli, ma con lei Tarantini fallisce. La Arcuri non cede alle pressioni. Diversamente da lei, Sabina Began, anche detta l'Ape Regina, ha un ruolo da protagonista. La Began, che ieri ha ricevuto l'avviso di chiusura dell'inchiesta, ha detto: 'Tutto quello che ho fatto, l'ho fatto per amore'.

Secondo quanto emerge dai verbali la Began ha raccontato: 'Io ho molte conoscenze in ambienti importanti e questo mi ha consentito di organizzare una cena tra il presidente del Consiglio e Roman Abramovich. La finalità era di trasferire Andrei Shevchenko al Milan. A quella cena invitai tantissime persone importanti e su sua richiesta esplicita, invitai anche Giampaolo Tarantini (...) La cena andò benissimo tanto che qualche giorno dopo organizzai per il presidente del Consiglio un pranzo, c'era anche Tarantini'.

E ancora: 'Ho conosciuto Tarantini anni prima tramite la moglie. Mi sembravano persone perbene, quindi non avevo difficoltà a coinvolgerli. Ho poi invitato Giampaolo a Roma, a una cena organizzata dal presidente in occasione dell'invito dello stesso fatto a George Clooney. In quella circostanza chiesi a Giampaolo di invitare, se voleva, delle amiche perché c'erano troppi uomini. Giampaolo venne con delle ragazze con le quali io non ho fraternizzato perché non è mia abitudine legare con gli estranei. Voglio aggiungere di mia iniziativa che tutte le volte successive nelle quali Giampaolo è venuto a casa del presidente con sue amiche, e c'ero io, la loro presenza si è limitata alla cena. Dopodiché siamo andati via'.

Nel corso delle telefonate Berlusconi e Tarantini parlano soprattutto di donne. Ma non solo. A quanto pare, infatti, il premier ha chiesto all'imprenditore pugliese anche di poter incontrare dirigenti di Finmeccanica e il capo della Protezione civile Guido Bertolaso.

politica.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016