Excite

India: i due marò finiscono in carcere

  • keralaprisons.gov.in

Come era previsto, il tribunale di Kollam ha confermato oggi che, essendo terminato il previsto periodo di due settimane in custodia della polizia, i marò Massimiliano Latorre e Salvatore Girone, implicati in un incidente in mare il 15 febbraio in cui sono morti due pescatori indiani, devono essere trasferiti in custodia giudiziaria nel carcere centrale di Trivandrum, capoluogo del Kerala.

Il provvedimento adottato dal giudice accoglie le richieste di una petizione che il console generale Giampaolo Cutillo ha presentato oggi a nome del governo italiano, in cui si sottolineava la necessità di un trattamento speciale per i marò per motivi di status e di sicurezza personale.

Disponendo la custodia giudiziaria, che sarà per un periodo massimo di tre mesi, dopo la quale sarà possibile chiedere la libertà provvisoria dietro cauzione, il magistrato ha lasciato alla discrezione della polizia e della Direzione generale delle prigioni la possibilità di valutare se ai due debba essere concesso un trattamento diverso da quello possibile nel carcere di Trivandrum.

La corte ha escluso esplicitamente per loro un trattamento di favore, non previsto dalle leggi indiane, ma ha comunque impartito disposizione alle autorità carcerarie affinchè i marò non siano alloggiati con gli altri detenuti, gli sia concessa assistenza medica ed un permesso di interagire con visitatori italiani ogni gorno per un'ora fra le 10 e le 13. Per quanto riguarda la richiesta di una residenza esterna al carcere come richiesto dai loro legali, riferisce l'agenzia, "il magistrato ha detto che questo tema non era direttamente di competenza del tribunale". Infine il giudice Gopakumar ha chiesto alle autorità della prigione di provvedere alla fornitura di cibo italiano per i marò durante la loro detenzione.

Le condizioni "speciali" di carcerazione, come accennato, pare siano il frutto della nota diffusa oggi dalla Farnesina, su indicazione del Ministro degli Esteri Giulio Terzi: "Il Segretario Generale della Farnesina, Giampiero Massolo, ha espresso oggi all'Incaricato d'Affari indiano a Roma Saurabh Kumar la vivissima preoccupazione del Governo italiano per la decisione del tribunale di Kollam di trasferire il Maresciallo Massimiliano Latorre e il Sergente Salvatore Girone in custodia giudiziaria nel carcere di Trivandrum con effetto immediato. Nel definire inaccettabili tali misure in considerazione dello status dei nostri due militari e nel sottolineare l'estrema sensibilità della questione per le Autorità italiane, per le famiglie e per l'opinione pubblica e parlamentare italiana, l'Ambasciatore Massolo - prosegue la nota - ha ribadito la ferma richiesta che ogni sforzo venga fatto per reperire prontamente per i nostri militari strutture e condizioni di permanenza idonee".

politica.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016