Excite

Indulto, 12% di nuovo dietro le sbarre

Secondo un'indagine del Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria (Dap) il 12% di coloro che hanno beneficiato dell'indulto è di nuovo dietro le sbarre.

Risultano, infatti, essere 26.201 (di cui 16.158 italiani e 10.043 stranieri) i detenuti usciti dal carcere negli ultimi nove mesi grazie all'indulto, varato il 31 luglio scorso dal Parlamento.
Di questi il 12% sono tornati a delinquere e, quindi, hanno fatto rientro in cella.

La regione che ha fatto registrare il numero più alto di scarcerati grazie all'indulto è la Lombardia (3.787), seguita da Campania (2.988), Sicilia (2.724) e Lazio (2.530).

Attualmente nelle 258 carceri italiane sono presenti 42.702 detenuti (su una la capienza regolamentare di circa 43.500), ma il dato è in aumento e Mastella ha indicato la necessità di puntare su pene alternative al carcere.

"Se non ci fosse stato l'indulto", ha commentato il ministro della Giustizia Clemente Mastella, "nelle carceri italiane avremmo avuto un'esplosione di collera incontenibile. Statistiche alla mano, non c'è stata alcuna crescita dei fenomeni criminali. Anzi, la recidiva dei soggetti beneficiari dell'indulto si è mantenuta nei limiti più bassi delle attese".

Il capo della polizia Giovanni De Gennaro, la pensa in modo diverso dal ministro. Secondo una sua indagine presentata martedì mattina alla commissione Affari costituzionali, "si è registrata rispetto all'anno precedente un incremento di 1.952 rapine e di 28.830 furti, dovuto al fattore indulto".

politica.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016