Firenze, Matteo Renzi contro kebab e fast food

Stop alle nuove aperture di kebab e fast food nell'area Unesco all'interno della cerchia dei viali di Firenze. Si parte con l'operazione annunciata dal sindaco Matteo Renzi e scritta nella delibera, approvata martedì scorso, volta a riqualificare il centro nell'area Unesco.

Divieto, dunque, di nuove aperture di strutture alimentari di bassa qualità che lavorano solo con il precotto e il surgelato, divieto di installare distributori automatici di bevande e pastasciutte e divieto di nuovi food come il Mc Donald's.

La Confesercenti ha chiesto un approfondimento sul tema. Non esiste, infatti, una normativa specifica che individui a cosa ci si riferisca esattamente con il termine fast food. Nella categoria potrebbero rientrare anche le pizzerie al taglio e le paninoteche. Ora spetterà al consiglio comunale decidere e fare delle chiarificazioni. Ma quel che è certo è che Renzi vuole restituire al centro di Firenze la sua anima.

E, come ricorda il quotidiano La Repubblica, il sindaco lo farà anche tagliando i permessi ztl. A quanto pare dal primo agosto il centro diventerà meno accessibile. Banche, consolati onorari e politici, dai consiglieri comunali ai parlamentari, non avranno più il telepass. Entreranno in vigore regole più rigide per garage, alberghi, artigiani e merci. Gli artigiani chiamati a riparazioni d'urgenza, le vetture degli autonoleggi e quelle delle autofficine dovranno pagare un euro a ingresso in zona blu. I garage in ztl, inoltre, non potranno più avere il telepass da consegnare ai clienti abituali che dovranno pagare un euro ad ingresso. Come è facile immaginare, questa serie di iniziative ha già sollevato molteplici polemiche. Tanti chiedono ora un incontro con il sindaco.

 (foto © LaPresse)

politica.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2014