Excite

Lampedusa, video shock del Tg2: immigrati denudati in strada per la disinfestazione contro la scabbia

  • Youtube

di Claudia Gagliardi

Sono immagini sconcertanti, scene da lager, non certo quelle che ci si aspetterebbe di vedere in un centro di accoglienza per immigrati. Ha giustamente scatenato reazioni indignate il servizio del Tg2 sul Cie di Lampedusa: l'inchiesta del telegiornale mostra il trattamento incivile riservato ai migranti durante la pratica di disinfestazione dalla scabbia, malattia che peraltro nessuno dei migranti aveva al momento dello sbarco.

Lampedusa: arrestato presunto scafista, si nascondeva tra i disperati. Le storie dell'orrore tra stupri nel deserto e torture

Le immagini che arrivano dal Centro di Identificazione ed Espulsione di Lampedusa documentano una prassi che non tiene in alcuna considerazione il rispetto diritti umani: uomini e donne trattati come animali, fatti denudare in pieno inverno all'aperto e investiti da una scarica d'acqua per la disinfestazione contro la scabbia, il tutto mentre gli operatori della cooperativa che gestisce il centro continuano a svolgere i loro compiti come nulla fosse.

Scene ancora più impressionanti se si pensa alle tragedie del mare dello scorso ottobre: 600 persone annegate negli ennesimi viaggi della speranza trasformati in viaggi di morte. Dopo la ricostruzione esclusiva del settimanale L'Espresso sui soccorsi che ha dimostrato come le telefonate da bordo in cui si chiedeva soccorso siano rimaste inascoltate dalle autorità italiane perché la competenza sarebbe stata di quelle maltesi, un nuovo scandalo getta vergogna sul nostro Paese e impone una discussione seria sulle modalità con cui l'Italia affronta il dramma dell'immigrazione.

Tra le prime reazioni registrate alla messa in onda dell'inchiesta del Tg2 c'è quella della presidente della Camera Laura Boldrini, che ben conosce il tema per la sua storia personale di portavoce dell'Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati: "Il trattamento riservato agli ‪‎immigrati‬ nel Centro di ‪‎Lampedusa‬, documentato nel servizio trasmesso ieri sera dal Tg2, è indegno di un Paese civile - dichiara Laura Boldrini - Uomini e donne, per essere sottoposti ad un trattamento sanitario, vengono fatti denudare all’aperto in pieno inverno. Quelle immagini non possono lasciarci indifferenti. Tanto più perché vengono dopo i tragici naufragi di ottobre e dopo gli impegni che l’Italia aveva assunto in materia d’accoglienza. Quei trattamenti degradanti gettano sull’immagine del nostro Paese un forte discredito e chiedono risposte di dignità".

Duro anche il commento del vicepremier e ministro dell'Interno Angelino Alfano, che ha promesso accertamenti immediati: "Sui fatti avvenuti al centro di primo Soccorso e accoglienza di Lampedusa accerteremo le responsabilità e chi ha sbagliato pagherà. Entro 24 ore avremo una relazione dettagliata, richiesta dalla prefettura di Agrigento all'ente gestore, per comprendere le ragioni di quanto accaduto e assumere le conseguenti decisioni". Il sindaco ha spiegato che né Comune né Usl possono intervenire di propria iniziativa sul Cie, perchè l'unico soggetto competente per le strutture d'accoglienza è il ministero dell'Interno, anche per questioni di tipo sanitario.

Il video shock del Tg2 è stata mostrata anche al sindaco di Lampedusa Giusy Nicolini: "Una pratica sanitaria non si fa all'aperto, irrorando gli ospiti, nudi, con un tubo. Lampedusa e l'Italia intera si vergogna di queste pratiche d'accoglienza".

Lampedusa, video shock Tg2: il Cie come un lager

politica.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017