Excite

L'antipolitica di Fiorello: "Non andate a votare"

Apertura col botto a Viva Radio2, il programma radiofonico condotto da Fiorello e Marco Baldini. Senza abbandonare l'aria divertente e scanzonata, dai microfoni di Radio2 è arrivato un appello all'astensione.

"Quando vi arriva il certificato elettorale strappatelo e buttatelo per strada - ha detto Fiorello durante la tramissione - I politici devono fare qualcosa di concreto già prima delle elezioni, e non promettere e basta chiedendo voti. Invece di chiedere devono dare. Se non risolvono il problema dei rifiuti a Napoli, non votate".

Lo showman - già definito "ingrillito" per questa sorta di apertura all'antipolitica, ce l'ha anche con la giustizia: "Non se ne può più di vedere gente che commette reati e non passa neanche un giorno in prigione perché si inventano patteggiamenti della pena, riti abbreviati e buona condotta. Se uno sbaglia deve pagare. Vogliamo la certezza della pena".

Le reazioni dal mondo politico. Pier Ferdinando Casini: "Il mio grande amico Rosario Fiorello invita a non votare dicendo di reagire a questi politici. Se la campagna elettorale è fatta sulle promesse che puntualmente non vengono rispettate, ha ragione lui". Gianfranco Fini: "Fiorello è simpatico e bravo, ma quando dice agli italiani di non votare dice una cosa che in realtà non è giusta: in Campania il 99% le responsabilità di quello che è successo in quella Regione grava sulla sinistra". Il Ministro delle Comunicazioni Paolo Gentiloni: "Gli appelli a non andare al voto non sono condivisibili, ma capisco le ragioni di Fiorello". Il Ministro alle Politiche Giovanili e allo Sport, Giovanna Melandri: "Non apprezzo chiunque agiti soluzioni come il non voto in campagna elettorale".

Una risposta è arrivata, tramite Repubblica, anche da Mike Bongiorno: "Mi meraviglio che Fiorello abbia detto una cosa così importante... È giusto, concordo. Ma bisogna votare. Fiorello è straordinario, unico, irripetibile. Bisogna capire, però, il tono con cui ha parlato. Forse voleva solo dire: bisogna fare qualcosa in Campania. Il problema dei rifiuti lo conosco: mi ricordo, anni fa, rientrando da una serata, montagne di immondizia e topi più grandi dei gatti. Certo, ora è peggio. Magari dopo l'uscita di Fiorello il governo prenderà provvedimenti. Sono legato a Berlusconi, si sa. Ma anche a Veltroni: suo padre mi convinse e restare in Italia. Silvio non mi ha chiesto mai nulla. Mi promise di farmi diventare senatore a vita. Ma questo, glielo dissi, non accadrà mai".

politica.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016