Excite

Laura Boldrini presidente della Camera 2013

  • YouTube

Un lungo e caloroso applauso dell'emiciclo ha accolto la proclamazione di Laura Boldrini di Sel a nuovo presidente della Camera 2013: è la terza donna che siede sullo scranno più alto di Montecitorio, dopo Nilde Iotti e Irene Pivetti. L'annuncio della sua candidatura, ieri sera, ha immediatamente raccolto il consenso di (quasi) tutta la coalizione di centrosinistra e dunque, oggi, la votazione è stata una formalità. Boldrini, infatti, a quanto pare non ha partecipato alla prima chiamata per preparare il discorso di insediamento, e poi si è presentata alla seconda entrando in Aula con Nichi Vendola e venendo abbracciata calorosamente da Dario Franceschini, a lungo indicato come candidato del centrosinistra per ricoprire la terza carica dello Stato. La neo-presidente è stata eletta con 327 voti (maggioranza assoluta), mentre il candidato del M5S Roberto Fico ne ha avuti 108. I voti dispersi sono stati 18, le schede nulle 10 e quelle bianche 155.

Laura Boldrini, il nuovo presidente della Camera: le foto

Nata a Macerata il 28 aprile del 1961, laureata in Giurisprudenza a La Sapienza di Roma e a lungo giornalista radio e tv Rai, Laura Boldrini è stata Portavoce dell'Alto Commissariato per i Rifugiati (UNHCR) dal 1998 al 2012, occupandosi in modo particolare dei flussi di migranti e rifugiati nel Mediterraneo e svolgendo molte missioni nella Ex-Jugoslavia e in Afghanistan, Angola, Caucaso, Iran, Iraq, Pakistan, Ruanda e Sudan.

Insignita di numerosi importanti riconoscimenti - tra cui il titolo di Cavaliere Ordine al Merito della Repubblica Italiana (2004) e il premio nazionale ANPI Renato Benedetto Fabrizi (2011) - nel 2010 Laura Boldrini ha pubblicato il libro Tutti indietro (Rizzoli) e continua a svolgere l'attivista di giornalista, collaborando con diverse riviste e con La Repubblica, per cui redige il blog Popoli in Fuga.

La sua candidatura a presidente della Camera è stata accolta con favore dall'intera coalizione di centrosinistra e, in generale, dagli addetti ai lavori. Boldrini, infatti, è a tutti gli effetti un 'volto nuovo' della politica italiana, con alle spalle un curriculum di tutto rispetto di respiro internazionale e un atteggiamento che - almeno a leggere il 'diario di bordo' del suo primo giorno in Parlamento - fa ben sperare.

"Lasciateci lavorare, mi viene da pensare, bisogna dare le risposte ai bisogni stringenti delle persone", scriveva infatti ieri il neo-presidente, eletta nelle Circoscrizioni Sicilia 1 e 2 e Marche, con la decisione poi di rappresentare Sicilia 2, concludendo: "La politica tutta non può ignorare questo preoccupante quadro. Incluso il M5S che ha deciso di entrare nelle istituzioni per svolgere un ruolo di cambiamento".


Laura Boldrini, il discorso di insediamento alla Camera

politica.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017