Excite

Le adozioni gay secondo Giovanardi favoriscono la compravendita di bambini

Nessuna apertura del governo alle adozioni a favore dei gay, stando almeno a quello che ha dichiarato il sottosegretario Carlo Giovanardi che ha rilasciato dichiarazioni decisamente forti.

Secondo Giovanardi le adozioni gay sono diventate il pretesto per la tratta dei bambini nei Paesi che hanno deciso di consentirle: 'dove le adozioni da parte di coppie gay sono consentite, come negli Usa, ma anche in Brasile è esplosa la compravendita di bambini e bambine. E' una cosa che almeno con questo Governo non consentiremo mai e che voglio qui denunciare', ha detto Giovanardi.

Ma Giovanardi oltre ad attaccare le lotte degli omosessuali per l'adozione di bambini e i Paesi che la permettono è andato oltre e ha aggoiunto che 'imporre a un bambino adottato due genitori dello stesso sesso significa fare loro violenza psicologica. Il fatto che ci siano alcune famiglie eterosessuali in cui ci sono stati episodi di violenza o di cattiva educazione non vuol dire che la famiglia normale sia fonte di violenza e di maltrattamenti, come afferma Luca Barbareschi. Un bambino ha il diritto di crescere in un contesto dove una figura paterna e materna sono complementari fra di loro e garantiscono al bambino una crescita equilibrata. Togliere questo diritto al bambino è fare una violenza sul bambino stesso. Si crea un diverso dagli altri, lo si candida all'infelicità'.

Il sottosegretario è intervenuto durante la trasmissione KlausCondicio sostenendo la sua tesi ma senza presentare alcun documento ufficiale a sostegno delle sue parole tanto che dall'Arcigay le critiche sono state impietose e la deputata del Pd Paola Concia starebbe anche valutando l'idea di chiedere una mozione di sfiducia contro il politico del Pdl.

Secondo la Concia 'non è ammissibile che un rappresentante del governo discrimini un'intera categoria di cittadini e cittadine, in totale spregio e palese violazione della carta Costituzionale. A Giovanardi vorrei rivolgere l'invito a incontrare le tante famiglie arcobaleno che già oggi esistono in Italia, formate da genitori coraggiosi che si impegnano a creare un progetto di famiglia, pur in assenza, nel nostro Paese, di qualunque forma di tutela giuridica. Atteggiamenti come quelli del sottosegretario non fanno altro che rinfocolare il clima di intolleranza omofoba che opprime l'Italia, creando i presupposti delle tante violenze di cui ogni giorno sono vittime gay, lesbiche e transessuali'.

Presa di posizione anche dell'Idv che ha diffuso un comunicato in cui spiega che 'Giovanardi sa benissimo che il 98% delle violenze sui minori avviene nell'ambito della famiglia tradizionale e il suo minimizzare il fenomeno la dice lunga sullo squallore di questo ministro. Questa compagine governativa, ormai al capolinea, produce ministri come Giovanardi e andrebbe mandata a casa nell'interesse del Paese oltre che della salute mentale dei protagonisti. Ognuno può pensarla come vuole in materia di adozioni, l'importante è che se ne discuta con serenità e non dicendo bugie come fa il presunto ministro della presunta famiglia'.

Arcigay e Famiglie Arcobaleno hanno rilasciato a loro volta un comunicato in cui chiedono 'le dimissioni immediate di Carlo Giovanardi da sottosegretario di Stato alla presidenza del consiglio dei Ministri. Le sue dichiarazioni sconsiderate dimostrano che il sottosegretario rappresenta un imbarazzo per le istituzioni, un problema per i cittadini italiani e anche un pericolo per se stesso'.

politica.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016