Excite

Legittimo impedimento, almeno 8 i giudici contro lo scudo a favore del premier

Il verdetto definitivo della Consulta sul legittimo impedimento, il provvedimento di tutela dai processi delle più alte cariche dello Stato, si conoscerà domani giovedì 13 gennaio, ma, a quanto pare, sarebbero otto i giudici pronti a bocciare totalmente o in parti sostanziali la norma che congela i processi del presidente del Consiglio Silvio Berlusconi fino all'ottobre 2011.

Le immagini dell'udienza a Roma sul legittimo impedimento

Ieri a Roma si è aperta l'udienza pubblica e il professor Sabino Cassese, il docente di diritto amministrativo relatore sui ricorsi dei giudici di Milano contro la legge ponte, ha messo in risalto due importanti questioni, ossia l'ambito della legge e i poteri di controllo del giudice. Cassese ha, infatti, chiesto agli avvocati: 'I fatti e gli eventi individuati come ipotesi di legittimo impedimento sono indicati in modo specifico o generico?'. E poi: 'Residuano poteri di controllo del giudice? E questi poteri possono svolgersi sulla sussistenza del fatto-evento oppure anche sulla concomitanza?'.

Il giudice relatore della causa, Sabino Cassese, ha chiesto chiarimenti agli avvocati del premier, Niccolò Ghedini e Piero Longo, e agli avvocati dello Stato, Michele Dipace e Maurizio Borgo, circa l'indeterminatezza e l'automatismo della norma, ma a quanto pare le risposte non hanno pienamente convinto la gran parte delle toghe dell'Alta Corte.

Cosa deciderà la Corte lo si saprà solo domani. Oggi i 15 giudici sono riuniti in camera di consiglio per decidere sui referendum: quattro sull'acqua e uno sul nucleare, oltre a quello sul legittimo impedimento.

 (foto © LaPresse)

politica.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016