Excite

Lite Vauro-Salvini ad Agora, il vignettista: "Non parlo con lui, lo disprezzo". Il leghista minaccia querela

  • Rai

Vauro Senesi accende Agorà e il clima si fa teso nel programma in onda al mattino su Rai3. Il famoso vignettista, presente in studio come ospite, ha fin da subito precisato che non aveva intenzione di dibattere con il leader della Lega Matteo Salvini: "Sono buonista e radical chic, ma io non interloquisco con un individuo che disprezzo moralmente profondamente." Il tono è fin da subito molto duro ed è diventato ancora più netto quando ha dato del "fascista e razzista" al politico che in onda si è limitato ad una risposta ironica "Lo abbraccio e gli mando un bacio" salvo poi cambiare atteggiamento sui social in seguito.

Salvini infatti su Twitter ha parlato di querela contro Senesi: "#Vauro Senesi, vignettista di sinistra, ora in diretta su Rai Tre: "Io disprezzo Matteo #Salvini, è razzista e fascista". Che dite, querela?". Già questo sarebbe stato sufficiente ma Vauro ha ripreso in diretta tv Serena Bortone, conduttrice del talk, per aver in sostanza associato le morti in mare dei migranti e il rifiuto da parte di alcuni di questi del riso freddo (argomento lanciato da Salvini).

Lite Vauro-Storace: la denuncia del politico

A questo punto la deputata di Forza Italia Licia Ronzulli si è scaladata: "È surreale che una giornalista non prenda le distanze da Vauro, è surreale che Vauro dica ad una giornalista come deve condurre. È surreale la superiorità morale di Vauro, si vede il livore e odio quando parla di Salvini." Vauro non ci ha pensato ad abbassare i toni ma ha dato a tutti dei "co***oni": "Sono scosso emotivamente perché siamo testimoni di un olocausto, 2000 morti in 6 mesi. Co***oni che non siete altro".

Verso la conclusione Salvini si è detto "schifato dell'intolleranza dei tolleranti in studio" ed ha lasciato il collegamento ma la Bortone ha spiegato che era previsto che andasse via in anticipo. Insomma neanche al mattino non si riesce a non litigare.

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017