Excite

Lusi: "Soldi a Renzi e a Rutelli, ero il bancomat del partito"

  • Infophoto - Luigilusi.it

Luigi Lusi, l'ex tesoriere della Margherita reo confesso di aver intascato 13 milioni di euro (rimborsi elettorali) dalle casse del partito, interrogato dalla Giunta delle immunità di palazzo Madama, ha cominciato a fare i nomi, nomi importanti. Al momento è accusato di aver sottratto 21 milioni di euro.

GUARDA IL VIDEO DELL'INTERVISTA NASCOSTA A LUSI BY "SERVIZIO PUBBLICO"

Il primo accusato è il sindaco rottamatore di Firenze: "Renzi ha richiesto dei soldi, circa 100 mila, anzi 120 mila euro suddivisi in tre fatture, poi Rutelli mi ha chiesto di non pagargli la terza e così ho dato a Renzi solo 70 mila euro" [...] "Io ero il tesoriere, ovvero il bancomat del partito. Ero garante di una spartizione 60/40 tra popolari e rutelliani".

GUARDA IL VIDEO DI RUTELLI CHE "ESPLODE" A "IN MEZZ'ORA"

Oltre a Renzi, spuntano i nomi di Francesco Rutelli ed Enzo Bianco: al secondo avrebbe dato "un mensile di 3mila euro, poi passato a 5.500", mentre a una società di Catania legata al marito della segretaria di Bianco tra il 2009 e il 2011 sarebbero stati forniti circa 150 mila euro. Secondo Lusi, riportano i quotidiani, anche a Rutelli venivano fornite delle cifre ingenti in occasione delle elezioni.

DIPENDENTE COMUNALE FIORENTINO DENUNCIA FINANZIAMENTO LUSI - RENZI

LA REPLICA DI MATTEO RENZI SU FACEBOOK:
"Lusi due la vendetta" - scrive Renzi sul suo profilo Facebook riferendosi a quanto riportato stamani da alcuni media - "torna alla carica e riprova a coinvolgermi nella vicenda dello scandalo ex Margherita. Dice di avermi dato dei soldi. Due mesi fa erano 140 mila euro. Oggi siamo scesi a 70 mila. Sarà la crisi..." - ironizza Renzi. "Torno a chiedere - aggiunge - ciò che dico dall'inizio di questa vicenda. Lusi e la Margherita pubblichino sul sito tutte le fatture e tutto ciò che è stato finanziato...Tutto. A quel punto non c'è trucco, non c'è inganno. E vediamo chi dice bugie. Quanto a me - prosegue - non solo confermo che non ho mai preso una lira, come è facilmente riscontrabile dai bonifici, dagli assegni e dai documenti. Ma continuo a dire come faccio dalla Leopolda 2010 che il finanziamento ai partiti va abolito, subito. Se qualcuno pensa di usare di mezzucci per mandare messaggi in codice, sappia che mi hanno insegnato che si deve aver paura di tante cose, ma mai dei ladri. E che il posto dei ladri non è (o non dovrebbe essere) il Parlamento".

L'argomento delle fatture inesistenti quale controprova all'accusa di aver preso fondi illeciti è però un po' debole, solitamente a certi "versamenti" non viene allegata ricevuta o scontrino fiscale. In ogni caso, come si dice in questi casi, la giustizia (si spera) farà il suo corso.

politica.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016