Excite

M5S e Forza Italia lasciano la Camera. Bagarre per l'attacco al Pd: "Il lobbista è Tivelli"

  • Youtube

Giornata rovente alla Camera dei Deputati, dove ancora una volta è andato in scena un duro scontro tra maggioranza e opposizione. Due gli episodi che hanno fatto salire la temperatura a Montecitorio, costringendo presidenza dell'aula e commessi ad un lavoro di contenimento di un clima che soltanto alla fine dei lavori è tornato a livelli "normali".

Camera, protesta del Movimento 5 Stelle

In aperta contestazione coi partiti che appoggiano l'esecutivo Letta, i parlamentari di Forza Italia, Lega Nord e M5S, da sponde opposte e sulla base di argomentazioni diverse, hanno abbandonato i rispettivi scranni polemizzando coi colleghi filo-governativi dopo lo slittamento della conferenza dei capigruppo durante la discussione del ddl sulle province.

Più morbida la linea di Sinistra Ecologia e Libertà, interessata a discutere nel merito i singoli provvedimenti senza alzare i toni nei confronti degli ex alleati di centrosinistra. Inevitabile, in un simile contesto, lo scambio di accuse tra i promotori dello "strappo" e il resto dell'assemblea: emblematici alcuni tweet lanciati a stretto giro di posta da eletti nelle fila dei democratici come Pina Picierno, furiosa per la "nuova intesa tra Pdl e M5S", mentre dall'altro lato non sono mancati gli strali dei pentastellati contro la maggioranza e le sue "stampelle", con chiaro riferimento ai vendoliani.

Grande clamore, qualche ora prima, aveva suscitato il j'accuse del portavoce dei 5 stelle Giorgio Sorial, protagonista di un pesante attacco al Pd, corredato dall'esposizione del nome e della foto di un presunto "lobbista" intercettato nei giorni scorsi mentre esercitava pressioni sui lavori parlamentari grazie alla sostenuta "complicità" dei rappresentanti del partito di Matteo Renzi. L'uso di termini duri e diretti da parte del deputato ha acceso gli animi in aula, inducendo il presidente della Camera a richiamare pubblicamente l'oratore, che ha poi portato a termine l'intervento mostrando insieme ai suoi colleghi del gruppo M5S il cartello "Caro Pd decido io" recante la foto del consigliere parlamentare Luigi Tivelli, sospettato di fare da cerniera tra maggioranza e poteri forti.

Bagarre alla Camera sulla Legge di Stabilità: il video della protesta M5S

politica.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017