Excite

Mara Carfagna ha presentato la campagna contro l'omofobia

Il ministro per le Pari Opportunità Mara Carfagna ha presentato a Palazzo Chigi la nuova campagna contro le discriminazioni di gay e lesbiche organizzata, appunto, dal Ministero per le Pari Opportunità. Il ministro ha deciso di stanziare per la suddetta campagna, dal titolo "Nessuna differenza", 2 milioni di euro e ha rivendicato: "Si tratta della prima campagna di questo genere organizzata da un governo in Italia".

Guarda lo spot anti-omofobia della Carfagna

Come sottolineato dal quotidiano La Repubblica, nel corso della presentazione il ministro ha poi aggiunto: "Sono riuscita a rompere un piccolo tabù facendo rientrare la lotta all'omofobia tra i compiti del governo". Per supportare l'iniziativa verranno realizzati uno spot televisivo, uno radiofonico e degli opuscoli da distribuire nelle scuole. Ciò che la Carfagna si auspica è che si possa diffondere il messaggio che "l'omofobia è una malattia dalla quale si può guarire". Nella campagna non si parla di transessualità e a tal proposito il ministro ha voluto precisare: "Per ora mi contento di questo, ma la lotta alla transfobia è tra le nostre priorità e cercheremo di fare azioni concrete anche in tal senso".

L'iniziativa è stata accolta con entusiasmo dalla comunità omosessuale e dalla deputata Paola Concia. Come riportato da Il Velino, la Carfagna ha anche annunciato che il governo sta lavorando a un ddl "per trovare giuste intese affinché la norma sia quanto più possibile condivisa. Che possa trovare tutti d'accordo e che possa contribuire al rispetto della diversità"; un ddl che comprenda anche i reati contro i transessuali "che hanno bisogno di un'adeguata copertura normativa" e che farà tesoro della proposta Concia, bocciata dall'aula della Camera con una pregiudiziale di costituzionalità, "che era equilibrata" e il cui "capitale non va disperso".

La Concia ha ringraziato il ministro per "la bella campagna di comunicazione contro l'omofobia" e ha detto: "Finalmente un messaggio sacrosanto. Non è l'omosessualità ma l'omofobia ad essere una malattia". La deputata spera adesso che in commissione Giustizia venga ripresa la discussione della legge contro l'omofobia.

L'ex deputato Franco Grillini, presidente di Gaynet, ha così commentato l'iniziativa: "E' la prima volta che in Italia un governo lancia una campagna contro l'omofobia. Questa massiccia campagna è un fatto di enorme rilevanza che può contrastare con efficacia quel pregiudizio maschilista e antigay che è alla base degli atti di aggressione e violenza a omosessuali, lesbiche e transessuali".

 (foto © LaPresse)

politica.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016