Excite

Matrimonio gay, Usa fanno la storia, valido in tutti gli Stati. Obama: "#LoveWins", le star festeggiano in un video

  • Excite Italia

di Simone Rausi

Gli Usa mettono la firma su un capitolo fondamentale della storia: da oggi, il matrimonio tra gay sarà possibile in ognuno dei 50 Stati del Paese. Tutti gli Stati dovranno adattarsi, compresi quelli più conservatori o a forte stampo repubblicano. Un passo politico e sociale senza precedenti, specie se consideriamo che arriva dagli Usa, cardine fondamentale nei meccanismi che regolano le scelte decisionali dell’intero Pianeta.

Nozze gay a Roma: Marino sposa 16 coppie

A deciderlo è stata la Corte Suprema che ha reso incostituzionali le precedenti leggi statali. Una scelta arrivata sul filo di lana se consideriamo che “solo” cinque giudici su nove si sono espressi favorevolmente verso la legalizzazione delle nozze tra omosessuali in tutto il Paese. È stato quindi stabilito che, in base al quattordicesimo emendamento della Costituzione americana (quello che fa riferimento all’uguaglianza di tutti i cittadini di fronte alle legge) ogni americano dovrà sentirsi libero di sposare chi vuole e questo diritto dovrà essere riconosciuto anche fuori dai confini del singolo stato.

Immensa soddisfazione da parte del presidente Obama che, su Twitter, ha scritto pochi minuti fa: “Oggi è stato fatto un grande passo verso l’uguaglianza #LoveWins”. L’hashtag lanciato dall’inquilino della Casa Bianca è diventato in pochissimo tempo trend topic in tutti i Paesi del Mondo, Italia compresa. Nonostante nel nostro Paese sia spesso accompagnato da cinguettii ricchi di amarezza e insoddisfazione. Altri tweet di ringraziamento ai giudici della Corte sono arrivati da Hillary Clinton e da altri democratici. In questo momento migliaia di persone entusiaste si stanno accalcando sui gradoni esterni della Corte Suprema. Alle ore 17 (ora italiana) Obama terrà un discorso pubblico per congratularsi con “gli attivisti e con gli americani tutti".

Fino ad oggi il matrimonio tra omosessuali era esplicitamente vietato in 13 dei 50 Stati della Repubblica Federale. Questo significa che 37 Stati avevano già aperto le porte alle nozze tra omosessuali. Più di un quarto del Paese dovrà ora adattarsi e cambiare radicalmente quanto saldamente difeso fin oggi.

politica.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017