Excite

Matteo Renzi a Piazzapulita imita Berlusconi e avverte Letta: "Governo fino al 2015, ma con agenda nuova"

  • La7.it

di Claudia Gagliardi

Enrico Letta chiederà la fiducia alle Camere l'11 dicembre, come concordato col Quirinale dallo stesso premier: la verifica di governo, chiesta la scorsa settimana da una delegazione di esponenti della rinata Forza Italia uscita dalla maggioranza, ci sarà immediatamente dopo il risultato delle primarie del Pd di domenica 8 dicembre. E se Matteo Renzi sarà il nuovo segretario dei Democratici, il premier dovrà tenere conto della nuova agenda di priorità dettata dal sindaco di Firenze.

#ilConfrontoPd: Matteo Renzi parla da candidato premier, Cuperlo nostalgico di sinistra, sorprende Pippo Civati

Lo ha detto lo stesso Matteo Renzi rispondendo a una domanda di Corrado Formigli a Piazzapulita: ospite del talk show di La7 in collegamento da Firenze, il candidato favorito per la vittoria ha ribadito il suo avvertimento a Letta, lanciato già una settimana fa durante l'altro programma di La7, La Gabbia di Gianluigi Paragone. "Se domenica sarò io a essere eletto segretario - ha dichiarato Renzi a Piazzapulita - il Pd che ha 300 deputati e 100 senatori ed è il partito della maggioranza nella maggioranza, chiama il governo Letta e dice: 'ste cose qui, stavolta si fanno". Le priorità per Matteo Renzi sono tre: "Per me ci sono delle cose da fare subito: legge elettorale, risparmio di un miliardo di euro dei costi della politica, riforme e interventi per il lavoro".

Matteo Renzi a La Gabbia avvisa Letta: "Dal 9 dicembre cambia l'agenda del governo. Dal Pd voglio lealtà"

La consultazione di domenica è un passaggio cruciale per il Partito democratico: "Mi auguro che l'otto dicembre siano tanti a votare" ha detto Renzi, che non ha voluto annunciare i nomi che comporranno la sua segreteria. Li comunicherà il giorno dopo in caso di vittoria: "A mezzogiorno del 9 dicembre, se vinco, annuncio la squadra della segreteria. La sera, partecipo alla riunione dei gruppi parlamentari per decidere come affrontare il voto di fiducia al governo".

A chi lo accusa di tendere una trappola ad Enrico Letta e di voler a tutti costi conquistare la poltrona di Palazzo Chigi, Matteo Renzi risponde che con il governo si può "andare avanti fino al 2015, ma con una nuova agenda" e soprattutto con impegni "che devono essere messi nero su bianco". Nessuna ambizione personale, giura il rottamatore, scaricando sul rivale Civati le accuse di voler rovesciare l'esecutivo per tornare al voto: "Se prende la maggioranza Pippo Civati la fiducia al governo Letta dura tre mesi, perchè vuole fare la legge elettorale e poi tornare a votare. Di me dicono che io voglio fregare la seggiola a Letta. Io la mia ambizione la metto da parte. Ma se il Pd è maggioranza, allora si fanno le cose".

Quello delle primarie per la segreteria del Pd è l'appuntamento con cui il partito si gioca tutta la sua credibilità: "Ora abbiamo la maggioranza per fare le cose - ha concluso Matteo Renzi - con Grillo e Berlusconi che sono all'opposizione e se vedono un governo che tentenna ci portano via di peso. Io voglio che il Pd faccia le cose sul serio". Sulla riforma Fornero sulle pensioni, Renzi dice che non toccherà la parte riguardante le pensioni, perchè è giusto che "a 50 anni in Italia non si vada in pensione" e sulla riforma lavoro dice che "bisogna ripartire da zero", investendo su un sistema di ammortizzatori sociali e formazione, ma senza fare promesse campate in aria. E ironizzando sul famoso "milione di porti di lavoro" che fu un cavallo di battaglia della rivoluzione liberale di Silvio Berlusconi, Renzi si lancia in una personale imitazione del Cavaliere. Ecco il video.

Matteo Renzi imita Berlusconi a Piazzapulita: video

politica.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017