Excite

Matteo Renzi in ospedale da Pierluigi Bersani: "E' tosto, lo aspetto a Roma per tornare a litigare"

  • Getty Images

di Claudia Gagliardi

Anche Matteo Renzi, come buona parte dello stato maggiore del Pd, si è recato in visita all'ospedale Maggiore di Parma dove è ricoverato Pierluigi Bersani: l'ex segretario del Pd è vigile e non intubato, ha superato l'operazione chirurgica con cui è stato bloccato l'aneurisma cerebrale che l'ha colpito nella giornata di domenica e il suo decorso post-operatorio procede positivamente.

Malore Bersani, guerra sui social: "Meglio lui che Schumi", "Una pensione in meno". E i politici insorgono

Nonostante possa incontrare solo i familiari, molti esponenti del Pd si sono recati a Parma per portare la propria solidarietà a Bersani. Nel pomeriggio sono arrivati in ospedale Gianni Cuperlo e Stefano Fassina. "Bersani ci ha fatto prendere un grosso spavento", ha commentato il Presidente del Pd Cuperlo. Fassina ha sottolineato che Bersani "è amato dal popolo del Pd, su di lui in questo momento si è concentrato un grandissimo affetto". Ha incontrato la famiglia del deputato anche il sindaco di Parma Federico Pizzarotti.

Pierluigi Bersani operato dopo aneurisma cerebrale, è sveglio: medici si esprimono su rischio di danni permanenti

Matteo Renzi ha raggiunto il Maggiore poco dopo le 17 del 6 gennaio per fare visita allo sfidante con cui nel 2012 battagliò per la premiership. Per poco non ha incrociato il viceministro dell'Economia che si è dimesso dopo l'ormai celebre battuta "Fassina chi?". Renzi è entrato da una porta secondaria, dribblando i cronisti. Non ha potuto vedere Bersani perchè ricoverato in terapia intensiva: il deputato non può ricevere visite, ma in mattinata ha incontrato brevemente la famiglia, mostrandosi tranquillo e interessandosi al match Juventus-Roma di domenica sera. Al terzo piano dell'ospedale, il sindaco di Firenze ha incontrato la moglie di Bersani, Daniela Ferrari, e le sue due figlie.

Stefano Fassina si dimette dal governo per l'ironia di Matteo Renzi. Il segretario: "Pd non mette in crisi Letta"

"Porto l’abbraccio di tutto il Pd e anche personale, alla signora Daniela, alle figlie Elisa e Margherita, ovviamente non ho potuto parlare con Pierluigi che è in rianimazione", ha dichiarato Renzi ai cronisti in serata, una volta uscito dal Maggiore. Il segretario ha poi aggiunto: "Siamo felici che la situazione in miglioramento, io sono venuto per un saluto e un abbraccio e per dire che siamo tutti con Bersani". Infine, Renzi ha ironizzato affettuosamente sui suoi contrasti con l'ex segretario Pd: "Aspetto Pierluigi per tornare a discutere, anche a litigare, l'importante è che lui, che è bello tosto, sia riuscito a superare questa fase che è la più difficile". Al termine della sua visita in ospedale, Matteo Renzi ha rilanciato l'hashtag che spopola da ieri su Twitter, l'incoraggiamento #forzaBersani.

Dopo ventiquattr'ore di grande apprensione per le sue condizioni di salute, Pierluigi Bersani resta in prognosi riservata, ma i medici mostrano un cauto ottimismo. Il quarto bollettino medico diffuso nel pomeriggio del 6 gennaio conferma che il decorso prosegue normalmente, con parametri vitali nella norma e l'assenza di conseguenze permanenti: "Il paziente resta collaborante e non ci sono danni neurologici" hanno ribadito i sanitari.

politica.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017