Excite

Maurizio Crozza a Ballarò: "Berlusconi si candida in Bulgaria? Fonderà Forza Sofia"

  • Youtube

di Claudia Gagliardi

"Caro Giova te l’ho mai detto che sono un cretino? Solo un cretino come me poteva sperare che oggi la Corte Costituzionale decidesse se il Porcellum è costituzionale o no dopo 8 anni!": così Maurizio Crozza ha aperto la sua copertina a Ballarò nella puntata di martedì 3 dicembre. Nella giornata in cui era atteso il verdetto della Consulta sulla questione di costituzionalità sollevata sulla legge elettorale, tra ipotesi di rinvii a gennaio e le polemiche sollevate dal presidente del Senato Grasso, il comico ha deciso di dedicare alla vicenda gran parte della sua introduzione al talk politico di Rai3.

Maurizio Crozza a Ballarò sulla decadenza di Berlusconi: "Con le nuove carte ha chiarito: merita l'ergastolo"

Il dibattito pubblico sul Porcellum va avanti ormai da anni, adesso la Consulta dovrebbe esprimersi definitivamente sulla costituzionalità del premio di maggioranza per Camera e Senato con relativa esclusione del voto di preferenza: "Che fosse una porcata lo sapevamo, ce l’ha detto anche Calderoli: 'non l’ho scritta da solo, mi ha aiutato Peppa Pig' - ha commentato Maurizio Crozza - Ma perchè vogliono rimandare di un mese? Ma cos’è, devono arrivare delle carte dall’America dopo 8 anni?!". In realtà la Consulta in serata ha deciso di accelerare i tempi: da mercoledì mattina si riunisce la Camera di consiglio per discutere la questione di costituzionalità, ma i ritardi hanno scatenato numerose reazioni politiche.

Anche Maurizio Crozza ribadisce l'esigenza che i giudici si esprimano e al più presto: "La nostra Corte costituzionale costa tre volte quella britannica e i nostri giudici guadagnano tre volte quelli americani. Con la differenza che in America, se si accorgono che una legge è incostituzionale con 5 minuti di ritardo, gli tolgono la toga e lo obbligano a spaccare pietre". Inspiegabile, considerato quanto lo Stato spende per la giustizia, che i magistrati della Consulta non abbiano ancora deliberato sulla vicenda: "Ogni giudice ci costa 750 euro al giorno solo per l’auto blu: e chi minchia hanno come autista, Alonso? Gli paghiamo anche il telefono di casa e questi rimandano a gennaio, dopo 8 anni!".

Maurizio Crozza nella sua copertina si rivolge anche all'ospite in studio Piero Fassino, sindaco di Torino e storico esponente del Pd: "Fassino, anche voi, ma perchè non avete fatto una legge elettorale in questi 8 anni? Ma che cazzo ci andate a fare in Parlamento? Ci andate per l’aria condizionata?". E a proposito delle primarie per la segreteria del Partito Democratico: "Ma lei, è renziano o solo anziano?".

Non poteva mancare un riferimento al destino del Cavaliere dopo la decadenza da senatore. Nelle ultime ore circola l’ipotesi che Silvio Berlusconi possa candidarsi alle Elezioni Europee in un paese diverso dall'Italia, dove non siano in vigore leggi che escludono i condannati dall'elettorato passivo. Tra questi, il paese più accreditato è la Bulgaria: "Potrebbe fondare Forza Sofia - ironizza Crozza, che ricorda il famoso editto bulgaro con cui Berlusconi proprio da Sofia nel 2002 di fatto annunciò l'allontanamento dala Rai di Biagi, Luttazzi e Santoro - Dall'editto bulgaro all'eletto bulgaro". Crozza già si prefigura la campagna elettorale di Berlusconi per le Europee: "Il suo comizio inizierebbe così: care bulgare, cari bulgari. La Bulgaria è il Paese che amo".

Maurizio Crozza a Ballarò: il video della copertina di martedì 3 dicembre 2013

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017