Excite

Maurizio Crozza a Ballarò imita Brunetta e parla del suo show: "Potevo essere il maiale di Rai1"

  • Youtube

di Claudia Gagliardi

"Ma quanto costa Ballarò, quanto costa Giovanni Floris?": così Maurizio Crozza, nei panni di Renato Brunetta, apre la copertina satirica del talk show di Rai3 condotto da Giovanni Floris nella puntata di martedì 15 ottobre. Sulla scia delle polemiche degli ultimi giorni sulla trasparenza dei compensi in Rai, che ha visto protagonisti il parlamentare Pdl e Fabio Fazio e a cui si è aggiunta l'invettiva di Beppe Grillo, il comico dedica parte della sua introduzione a Ballarò ad una delle parodie più riuscite del suo repertorio: "Quanto costa Pagnoncelli. Che fine fanno i piatti che cucinano a 'La prova del cuoco'? - si chiede Crozza-Brunetta - Sono in tour. E’ il 'cagacazzi tour'. Siamo io e Grillo: lui urla, io mordo i polpacci". Con un consigio al conduttore: "Giova, tieni gli scontrini! Prima o poi tocca anche a te...".

Brunetta vs Fazio a Che Tempo che Fa: lite sullo stipendio del conduttore

Per la prima volta Maurizio Crozza usa la sua copertina per intervenire su una questione che lo riguarda da vicino, ovvero le trattative sfumate con Viale Mazzini per il suo show satirico su Rai1: "In fondo è giusto controllare i costi dei programmi della Rai. Certo, io controllerei anche i ricavi: se un salumiere spende soldi per comprarsi un maiale, non è che poi se lo tiene perchè si affeziona. Il maiale è un investimento, ci fa i salami, li vende e ci guadagna. Io avrei potuto essere il maiale di Rai1. Ma forse ragiono banalmente, non sono mica un Nobel mancato, sono solo un Rai1 mancato...". L'effetto Brunetta ha fatto sentire il suo peso sulla trattativa tra il comico (o meglio il suo agente Beppe Caschetto) e la Rai? Crozza ne esce così: "Io, nel dubbio di non essere un investimento per lo stato, mi sono fatto da parte. Ma siamo sicuri che Brunetta sia un investimento per lo stato? Leggeremo mai sul giornale: sfuma la trattativa stato-Brunetta?".

Legge di stabilità 2014: il governo presenta il testo. Letta: "Sarà senza tasse e senza tagli sul sociale"

Nella copertina di Crozza c'è spazio per la nuova legge di stabilità varata dal governo e per l'ironia sul proliferare di nuove tasse dai nomi improbabili: "Oggi è uscita la nuova legge di stabilità: tagli alle regioni, agli statali, niente tagli alla sanità: per forza, se ci ammaliamo e moriamo, le tasse chi le paga? La cosa incredibile è che non ci sarà più l’Imu ma la Trise: ma perchè ci prendono per scemi. Togliere le tasse, significa rinunciare a prenderci dei soldi, non a chiederceli con un altro nome!"

Infine, sui temi della giustizia rilanciati dal presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, arriva la domanda di Crozza a Pippo Civati, il candidato alla segreteria del Pd ospite in studio di Floris: "Io ho capito che l'amnistia cancella il reato, l'indulto cancella la pena. Civati, ma non è che l'indulto a Berlusconi cancella il Pd?"

Maurizio Crozza a Ballarò nella puntata di martedì 15 ottobre 2013: il video

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017