Excite

Ministeri al Nord, Napolitano chiede spiegazioni a Berlusconi

  • LaPresse

Sul tavolo ancora la questione dei Ministeri al Nord. Questa volta se ne parla perché il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ha inviato ieri al presidente del Consiglio Silvio Berlusconi una lettera contenente 'rilievi e motivi di preoccupazione sul tema, oggetto di ampio dibattito, del decentramento delle sedi dei Ministeri sul territorio'. A renderlo noto lo stesso Quirinale.

Le notizie sullo spostamento dei Ministeri al Nord

Il testo della missiva non è stato reso pubblico, ma sul contenuto non ci sono molti dubbi. L'iniziativa che da tempo è oggetto di acceso dibattito non ha nulla a che fare con il decentramento, che è altra cosa. Il rischio che si corre con l'iniziativa portata avanti dai ministri Umberto Bossi, Roberto Calderoli, Giulio Tremonti e Michela Vittoria Brambilla è quello di creare un grande pasticcio normativo. Il capo dello Stato ha voluto sottolineare il fatto che anche il governo è garante dell'unità nazionale e quindi deve spiegare che cosa significa l'apertura di sedi distaccate di rappresentanza operativa.

Ieri sera il portavoce del premier Paolo Bonaiuti ha fatto sapere che Berlusconi ha letto 'con attenzione e rispetto' la lettera del capo dello Stato. E la replica del presidente del Consiglio potrebbe arrivare oggi stesso. Berlusconi si trova ora costretto ad assumere una posizione ufficiale in merito alla tanto discussa questione. Il rischio è quello di una rottura con la Lega, da cui l'esecutivo ne uscirebbe alquanto malconcio.

Nel frattempo non sono mancati i commenti dei vari esponenti politici. A partire da quelli degli appartenenti al Pdl stesso. Ecco allora farsi avanti il presidente della Regione Lazio Renata Polverini e il sindaco di Roma Gianni Alemanno. La Polverini si è augurata che anche la Lega si decida finalmente a chiudere la questione e Alemanno ha auspicato che 'il presidente Berlusconi tragga da questa lettera del capo dello Stato la spinta politica per confermare in maniera chiara e definitiva il pieno sostegno del governo di centrodestra a Roma Capitale'.

Il presidente dei senatori del Pd Anna Finocchiaro ha bollato la proposta della Lega come una 'buffonata'. E ha detto: 'Come sempre il Presidente della Repubblica interpreta al meglio, in modo puntuale, il sentire comune dei cittadini italiani, stanchi di un governo ostaggio delle pericolose pagliacciate e della propaganda leghista'.

politica.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016