Excite

Moglie di Mastella ai domiciliari, lui si dimette. La diretta

Sandra Leonardo Mastella è agli arresti domiciliari. Il marito Clemente si dimette da Ministro della Giustizia. Segui la diretta della giornata e lascia il tuo commento.


18.08 - Clemente Mastella indagato in concorso di concussione ad Antonio Bassolino. Avrebbe costretto Bassolino a nominare una persona scelta da Mastella alla ASI di Benevento.

18.05 - C'è anche il nome di Clemente Mastella nell'ambito dell'inchiesta che ha coinvolto 30 esponenti dell'Udeur in Campania. Dunque anche Mastella è indagato per concussione. Fuga di notizie dalla procura di Santa Maria Capua Vetere

17.55 - Anche Clemente Mastella è attualmente indagato.

16.20 - In Campania l'inchiesta che ha portato ai domiciliari per Sandra Mastella ha coinvolto anche gli assessori regionali Luigi Nocera e Andrea Abbamonte. In totale sono 30 i provvedimenti restrittivi destinati ad altrettanti esponenti dell'Udeur.

15.10 - Parla Chiti, Ministro per i Rapporti col Parlamento: "Il Parlamento ha chiesto in aula al ministro della Giustizia di restare al suo posto. Spero che questo basti a convincerlo. Questa è la mia valutazione e Prodi la condivide". Mastella avrebbe risposto a Prodi dicendo: "Rifletterò".

14.00 - Dimissioni respinte! C'è stato un incontro a Palazzo Chigi tra Prodi e Mastella. Il capo del Governo ha respinto formalmente le dimissioni.

12.35 - Prodi avrebbe intenzione di chiedere a Mastella di restare al suo posto, lo riferisce l'Adnkronos

12.30 - Walter Veltroni in una nota esprime la sua personale solidarietà e auspica che il ministro continui il suo lavoro ai vertici del ministero.

12.10 - Solidarietà bipartizan per Mastella. Prodi ha telefonato al Ministro per dimostrargli affetto e solidarietà. Cicchitto di Forza Italia ha dichiarato: "Mai arresto è stato più mirato e a tempo di quello di Sandra Lonardo Mastella. Basti pensare che suo marito, il ministro della Giustizia Clemente Mastella, deve intervenire questa mattina in aula per illustrare la riforma della giustizia".

11.45 - Sandra Mastella: "Sono una donna libera perché ancora non ho ricevuto alcun provvedimento". "E' stato un discorso bellissimo quello del mio Clemente". Commenta la moglie del guardasigilli pochi minuti dopo il discorso in aula del marito.

11.35 - Parlando alla Camera, Mastella ha annunciato le dimissioni con queste parole: "Mi dimetto sapendo che un'ingiustizia enorme è la fonte inquinata di un provvedimento perseguito con ostinazione da un procuratore che l'ordinamento giudiziario manda a casa per limiti di mandato e di questo mi addebita la colpa. Colpa che invece non ravvisa nell'esercizio domestico delle sue funzioni per altre vicende che lambiscono suoi stretti parenti e delle quali è bene che il Csm e altri si occupino. Mi dimetto riaprendo la questione delle intercettazioni a volte manipolate, a volte estrapolate ad arte assai spesso divulgate senza alcun riguardo per la riservatezza dei cittadini. Mi dimetto per essere più libero politicamente e umanamente, perché tra l'amore per la mia famiglia e il potere scelgo il primo".

11.20 - Il marito di Sandra, Clemente Mastella, ha annullato tutti gli impegni previsti e partecipando alla relazione annuale del Guardasigilli alla Camera sullo stato della Giustizia ha annunciato le sue dimissioni.

11.10 - Sandra Mastella, presidente del Consiglio regionale della Campania, è agli arresti domiciliari. Contro la moglie del ministro della Giustizia, Clemente Mastella, pesa l'accusa di concussione nei confronti del direttore generale dell'ospedale di Caserta. A disporre il provvedimento la procura di Santa Maria Capua Vetere.
"Apprendo dalla televisione la notizia - ha detto lady Mastella - sono serena e pronta a fornire qualsiasi chiarimento. Credo che anche questo è l'amaro prezzo che, insieme a mio marito, stiamo pagando per la difesa dei valori cattolici in politica, dei principi di moderazione e tolleranza contro ogni fanatismo ed estremismo. Affronto tranquilla anche questa battaglia".

Il video delle dimissioni di Mastella

politica.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016