Excite

Monti da Fazio: liberalizzazioni e lavoro ai giovani

  • Infophoto

Il lungo colloquio tv tra Fabio Fazio e Mario Monti, nella puntata di "Che tempo che fa" dell'8 gennaio 2012, ha toccato decine di argomenti legati all'operato dei primi due mesi di Governo tecnico. Ecco i principali.

Fazio: "La sua manovra ha messo in sicurezza l'Italia? Siamo tranquilli o ce ne sarà un'altra?"
Monti: "Spero che siamo tranquilli. L'operazione proposta dal Governo, votata dal parlamento e responsabilmente accettata dagli italiani, mette certamente in sicurezza i conti pubblici italiani. Non occorrono altre manovre. Occorrono più spazi a concorrenza e merito (liberalizzazioni). Ridurre quelle protezioni, i diversi modi in cui ogni categoria cerca di avvantaggiare chi è incluso nella roccaforte a danno di chi è al di fuori. Il disarmo bilanciato tra forze politiche, che in passato si confrontavano molto aspramente, ha consentito di prendere decisioni in modo pacato e condiviso. Un disarmo multilaterale di tutte le corporazioni in cui viviamo può consentirci di dare spazio alla concorrenza, al merito e ai giovani".

Fazio: "Più facile a dirsi che a farsi, il suo ottimismo da dove arriva?"
Monti: "Ottimismo è una parola forte. La mia fiducia nasce dal fatto che un governo strano, come quello che ho l'onore di presiedere, non fa parte di nessuna geometria politca e può permettersi di presentare un disegno al paese, sperando di essere compreso, e di chiamare un po' tutti a disarmare privilegi che nel breve periodo danno a tutti un senso di sicurezza ma che, nel lungo periodo, fanno affondare la nave italia".

Fazio: "Da dove comincerete? Quali le prime liberalizzazioni?"
Monti: "Dobbiamo agire su molti fronti contemporaneamente. Abbiamo dei chiari vincoli di tempo (UE): primo la modernizzazione del mercato del lavoro, senza alcun dogma e senza dividere i sindacati. Obiettivo: ammodernare il mercato del lavoro italiano e gli ammortizzatori sociali per creare più occupazione vera, rivolta ai giovani, occupazione non sussidiata dal bilancio pubblico".

Fazio: "E la Rai? La privatizzerebbe?"
Monti: "La Rai è una forza del panorama culturale civile italiano. Una forza che credo abbia bisogno di ulteriori passi in avanti. Vedrà!"

Fazio: "Si continua a parlare di prossimi scenari con Euro di serie A ed Euro di serie B? Torneremo alla lira?"
Monti: "Posso fare il professoere? L'euro non è in crisi. Ha mantenuto solidamente il potere d'acquisto e il rapporto di cambio col dollaro. Il problema è che nella zona EU un certo numero di paesi hanno gravi squilibri nelle finanze pubbliche. Noi (EU)non siamo un singolo Stato, nè una federazione compiuta come gli USA. Subiamo squilibri asimmetrici. L'Italia si trova in una situazione difficile ma incoraggiante: abbiamo un debito pubblico molto molto elevato però i comportamenti degli anni recenti, in particolare degli ultimi due mesi, mostrano un settore pubblico molto più virtuoso".

Fazio: "Pensa di riuscire a convincere la Merkel?" Monti: "Mercoledì 11 a Berlino mostrerò due cose alla Merkel: primo che l'italia è ben lungi dal tenere comportamenti irresponsabili. Le pesanti misure che ho proposto al Paese sono state responsabilmente accolte. Contemporaneamente sottolineerò che anche (e soprattutto) la Germania trae benefici dall'integrazione europea, dal mercato unico e dall'Euro. E' un discorso tra pari"

Il resto dell'intervista nel video qui sotto. A fondo pagina la versione di Luciana Littizzetto.

Che tempo che fa - 08/01/2012 - Mario Monti

Che tempo che fa - 08/01/2012 - Luciana Littizzetto

politica.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016