Excite

Monti sull'evasione fiscale: "L'Italia è in uno stato di guerra"

  • Infophoto

Una breve vacanza in Svizzera e poi di nuovo a lavoro a Palazzo Chigi: il premier Mario Monti è appena rientrato dalle ferie e ha puntualizzato alcuni concetti cruciali in un'intervista al settimanale Tempi di Comunione e Liberazione. Dalla crisi economica all'evasione fiscale, dai temi della politica allo scandalo che ha investito il Quirinale in merito alle conversazioni finite nell'inchiesta sulla trattativa Stato-mafia. Ma la sua non è solo una panoramica sui problemi del Paese: ci sono anche dichiarazioni d'intenti sulle prossime iniziative del governo. Dichiarazioni che arrivano a pochi giorni dal suo intervento, domenica prossima, al tradizionale meeting di Cl a Rimini.

Dalle anticipazioni dell'intervista rilasciata al direttore del settimanale Gianluigi Paragone emerge la preoccupazione di Monti in merito all'evasione fiscale: "Produce un grosso danno nella percezione del Paese all’estero. Io penso che l’Italia si trova in uno stato di difficoltà soprattutto a causa di questo fenomeno e che si trova da questo punto di vista in uno stato di guerra". Parole destinate a trasformarsi da subito in titoli da prima pagina: secondo Monti, la reputazione del nostro Paese sui mercati internazionali è condizionata fortemente dal debito pubblico, che scoraggia gli investimenti e indispone i Paesi del Nord Europa nei nostri confronti. "Ci sono italiani ricchi o medi che sistematicamente non pagano le tasse" ha specificato Monti, sostenendo che la lotta all'evasione necessita di strumenti forti. Ma il premier ha spaziato a tutto campo tra i mille nodi critici del Paese.

Monti e il piano anti-debito

Sulla giustizia ha annunciato disposizioni di legge per far fronte all'emergenza sovraffollamento delle carceri, ma senza un'amnistia, per la quale mancano i presupposti in Parlamento (è necessaria l'approvazione di una maggioranza di due terzi dei deputati). E poi c'è il problema atavico della lentezza dei processi, che rappresenta una voce negativa sul nostro Pil. Ma a scaldare il dibattito in tema giudiziario saranno certamente le parole del premier sul caso Mancino-Napolitano. Secondo il Premier, le telefonate intercettate dalla procura di Palermo tra il Capo dello Stato e l'ex Ministro dell'Interno (di cui è stato chiesto il rinvio a giudizio per falsa testimonianza nell'inchiesta sulla trattativa stato-mafia) rappresentano un abuso di potere tale da richiedere con urgenza una nuova regolamentazione della materia.

Trattativa Stato-mafia, Il Fatto quotidiano raccoglie firme per i pm di Palermo: guarda le foto

Infine, alla domanda sul dopo-Monti, il premier ha risposto ribadendo l'intenzione di non continuare a fare politica attiva alla fine dell'attuale mandato: "Mi rifiuto di pensare – ha detto Monti – che un grande paese democratico come l’Italia non sia in grado, attraverso libere elezioni, di scegliere una maggioranza di governo efficace e, indirettamente, un leader adeguato a guidarla". Un bilancio di questi nove mesi di governo? Ci sono luci ed ombre, ma il Presidente è comunque soddisfatto del percorso intrapreso: "Siamo riusciti a mobilitare queste energie nel Parlamento e forse anche in qualche misura a spiegarci col Paese in un momento che di per sé sarebbe stato il meno adatto a recepire incisive e pesanti iniziative strutturali".

Peccato che proprio Giorgio Napolitano, firmando la legge di conversione del decreto spending review due settimane fa, aveva espresso un forte rammarico per il "frequente ricorso alla decretazione e alla fiducia" come strumenti per legiferare, ammonendo le Camere per non aver dato riscontro alla "ripetuta sollecitazione del Presidente ad approvare in Parlamento modifiche costituzionali e riforme regolamentari che garantissero un iter più certo e spedito dei ddl ordinari". Insomma, nemmeno il governo dei professori è riuscito a mettere in campo quelle tanto invocate "riforme strutturali" per modernizzare gli apparati dello Stato. C'è davvero da essere soddisfatti?

politica.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016