Excite

Morte Osama Bin Laden, le reazioni dal mondo

Come è facile immaginare la notizia dell'uccisione del leader di Al Qaeda Osama Bin Laden (leggi) ha suscitato reazioni da parte del mondo politico internazionale e non solo. Dopo l'annuncio del presidente degli Stati Uniti Barack Obama, migliaia di persone si sono raccolte a Ground Zero per festeggiare la morte dello sceicco saudita.

'Osama Bin Laden è morto', il video dell'annuncio di Barack Obama

Le foto del corpo di Osam Bin Laden

L'America in festa per la morte di Osama Bin Laden

Il Vaticano, per voce di padre Federico Lombardi, direttore della sala stampa vaticana, ha fatto sapere: 'Osama Bin Laden, come tutti sappiamo, ha avuto la gravissima responsabilità di diffondere divisione e odio fra i popoli, causando la morte di innumerevoli persone, e di strumentalizzare le religioni a questo fine. Di fronte alla morte di un uomo, un cristiano non si rallegra mai, ma riflette sulle gravi responsabilità di ognuno davanti a Dio e agli uomini e spera e si impegna perchè ogni evento non sia occasione di una crescita ulteriore dell'odio, ma della pace'.

Il premier britannico David Cameron ha parlato di un 'grande sollievo per la gente nel mondo intero'. Cameron ha affermato: 'Bin Laden era responsabile delle peggiori atrocità terroristiche che il mondo ha vissuto, per l'11 settembre e per tanti altri attacchi, costati migliaia di vite, molti di loro britanniche'. Il premier britannico ha approfittato anche per 'ringraziare coloro che lavorano continuamente per proteggerci dal terrorismo'.

Secondo il ministro degli esteri francese Alain Juppe, la morte di Bin Laden rappresenta 'una vittoria di tutte le democrazie che combattono contro questo flagello orrendo che è il terrorismo'. Il presidente francese Nicolas Sarkozy, in un messaggio diffuso dall'Eliseo, ha parlato di un 'evento fondamentale della lotta mondiale contro il terrorismo' e ha detto che la Francia rende omaggio alla tenacia degli Stati Uniti.

Il ministro degli Esteri tedesco Guido Westerwelle ha affermato che la morte di Osama Bin Laden 'è una buona notizia per tutti coloro nel mondo che amano la pace e pensano liberamente'. Dalla Spagna, il governo di Josè Luis Rodriguez Zapatero ha fatto sapere di considerare la morte di Bin Laden 'un passo decisivo nella lotta contro il terrorismo internazionale'. Dalla Russia, un comunicato del Cremlino ha reso noto: 'Nessun terrorista può sfuggire alla vendetta. Solo la lotta congiunta contro il terrorismo globale può portare risultati e la Russia è pronta ad aumentare la cooperazione'.

Poi Israele che, con un comunicato dell'ufficio del primo ministro Benjamin Netanyahu, ha affermato: 'Lo Stato di Israele si associa alla gioia del popolo americano dopo l'eliminazione di Bin Laden. Il premier si congratula con il presidente americano Barack Obama per questa vittoria della giustizia, della libertà e dei valori comuni dei paesi democratici che hanno combattuto fianco a fianco contro il terrorismo'. Tramite la tv araba al-Jazeera, il portavoce dell'Autorità nazionale palestinese (Anp) Ghassan Khatib ha detto: 'La morte di Osama Bin Laden rappresenta un fatto importante per il processo di pace in Medio Oriente e per tutto il mondo. Ora bisogna avere la meglio sui metodi violenti che lo stesso Bin Laden ha insegnato agli altri'.

Il presidente afgano Hamid Karzai ha così commentato la notizia dell'uccisione del leader di Al Qaeda: 'L'uccisione di Osama Bin Laden è un fatto di grossa importanza. Ha pagato per le sue azioni'. Il premier pakistano Yousuf Raza Gilani ha definito l'uccisione di Osama Bin Laden 'una grande vittoria' e ha aggiunto: 'Il governo pakistano è in una situazione di grave immbarazzo perché la primula rossa del terrorismo internazionale è stato trovato a pochi chilometri da Islamabad'. Il presidente turco Abdullah Gul ha affermato: 'Il fatto che la mente più pericolosa e sofisticata al mondo sia stata catturata in questo mondo deve servire da esempio per tutti. Questo dimostra che i terroristi e i leader delle organizzazioni terroristiche alla fine saranno catturati, vivi o morti'. Secondo il movimento islamico dei Fratelli Musulmani egiziani 'con l'uccisione di Bin Laden è venuta meno una delle cause principali dei conflitti nel mondo'. I Fratelli Musulmani hanno poi fatto sapere: 'Ora che è morto Osama Bin Laden gli americani possono ritirarsi dall'Iraq e dall'Afghanistan'.

Ma tra i primi a congratularsi con il presidente Obama per l'operazione che ha confdotto all'uccisione di Osama Bin Laden è stato l'ex presidente George W. Bush. Bush ha detto: 'La lotta contro il terrorismo continua, ma oggi gli Stati Uniti hanno inviato un messaggio inconfondibile: non importa quanto ci vorrà, giustizia verrà fatta'. E ancora: 'Mi sono congratulato con il presidente Obama e con gli uomini e le donne delle nostre forze militari e delle comunità di intelligence che hanno dedicato la loro vita a questa missione. Hanno la nostra eterna gratitudine. Questo risultato memorabile segna una vittoria per gli Stati Uniti, per le persone che cercano la pace nel mondo e per tutti coloro che hanno perso cari l'11 settembre 2001'.

E l'altro ex presidente degli Stati Uniti Bill Clinton ha detto: 'Mi complimento con il presidente, con la squadra della sicurezza nazionale e con i membri delle forze armate per aver portato Osama Bin Laden alla giustizia dopo più di dieci anni di attacchi omicidi da parte di Al Qaeda'.

In Italia sono intervenuti il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, il ministro degli Esteri Franco Frattini e il ministro della Difesa Ignazio La Russa.

Berlusconi ha parlato di 'un grande risultato nella lotta contro il male' e ha detto: 'Ora bisogna continuare la lotta al terrorismo'. Frattini ha così commentato la notizia dell'uccisione del leader di Al Qaeda: 'Una grande vittoria del bene contro il male, della giustizia contro la malvagità. Una vittoria del mondo libero e democratico. Una vittoria che non deve fare abbassare la guardia nella lotta al terrorismo, ma che consente di guardare al futuro con maggior fiducia'. E ancora: 'Si tratta di una grande vittoria per gli Stati Uniti e per l'intera comunità internazionale nella lotta contro Al Qaeda e il terrorismo. Una vittoria resa possibile dalla determinazione degli Stati Uniti nella caccia al responsabile dell'episodio più tragico dell'inizio di questo secolo, l'11 settembre e di altre numerose stragi'.

Il ministro La Russa, infine, ha detto: 'Non che ora manchino altri capi terroristi, ma quella di Osama Bin Laden era una figura in qualche modo mitizzata e la sua uccisione potrebbe costituire un forte contraccolpo per il terrorismo. Almeno è questo che ci auguriamo'.

 (foto © LaPresse)

politica.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016