Excite

Movimento 5 Stelle, Rocco del Grande Fratello si candida in Lombardia

  • Mediaset

Beppe Grillo nelle ultime settimane ha incassato entusiastiche dichiarazioni di consenso da parte di personaggi non proprio in linea con il target del suo Movimento 5 Stelle. Prima è stata la volta della showgirl Flavia Vento, che con i suoi cinguettii deliranti su Twitter si è offerta di fare da portavoce al comico genovese. Poi è arrivato l'appoggio di Vittorio Feltri, editorialista del Giornale diretto da Alessandro Sallusti, nonchè ex berlusconiano di ferro. Ora a mettere in difficoltà i 5 Stelle arriva la proposta di un personaggio tv finito nel dimenticatoio, ma molto in vista nei salotti tv fino a qualche anno fa. Si tratta di Rocco Casalino, concorrente della prima edizione del Grande Fratello e polemista di programmi televisivi come Buona domenica e simili.

Rocco Casalino presenta la sua candidatura: guarda il video

Casalino ha lanciato la sua candidatura tra le fila del Movimento attraverso un videomessaggio su Youtube, in perfetto stile "confessionale" del Gf, con la differenza che dall'altra parte non ci sono gli autori del programma, ma potenziali elettori lombardi. L'ex concorrente del capostipite di tutti i reality (partecipò insieme al compianto Pietro Taricone, a Marina La Rosa e alla vincitrice Cristina Plevani) intende presentarsi alle elezioni del Consiglio regionale in Lombardia. Per una Minetti che va, un prezzemolino tv che potrebbe arrivare. Ma a differenza dell'ex valletta di Colorado ed igienista dentale di Berlusconi, Casalino non è certo uno sprovveduto in materia e ci tiene a precisare di avere le carte in regola per fare buona politica nel Movimento.

"Piacere, sono Rocco, ingegnere elettronico e giornalista...": così si è presentato agli elettori nel suo video-spot, chiedendo di essere valutato "senza pregiudizi". Poi ha spiegato che il Movimento 5 stelle di Beppe Grillo ha bisogno di facce come la sua: "Non è più il momento di stare a guardare, criticare senza fare nulla. Penso di poter essere utile avendo molta facilità a parlare con la gente e convincerla a passare dalla nostra parte, anche perché conosco profondamente i problemi della nostra regione".

Ma a dispetto dell'entusiasmo di Casalino, che ha partecipato a diverse assemblee del Movimento a Milano con un discreto successo, il percorso per la candidatura non è certo semplice: le regole sono ben precise e prevedono il rispetto di determinati criteri. Possono presentarsi alle elezioni utilizzando il simbolo 5 Stelle innanzitutto gli incensurati, coloro che si siano iscritti al Movimento almeno dallo scorso 30 settembre e che non siano in possesso di tessere di altri partiti. Ma queste sono solo le precondizioni: i candidati da presentare alle regionali, così come al Parlamento, saranno scelti on line con votazioni interne. Saranno dunque gli stessi iscritti al Movimento 5 Stelle a decidere se Casalino sarà presentabile o meno in Lombardia.

L'editto di Grillo contro i talk show

Lui sa bene che aver fatto tv (soprattutto quella tv) è un grosso handicap per un Movimento il cui leader vagheggia da anni la morte del piccolo schermo. Alcuni attivisti sono stati oggetto di critiche virulente per aver rilasciato interviste o essere apparsi in talk show di approfondimento politico (il caso di Federica Salsi è emblematico), finchè Grillo ha stabilito una volta per tutte che gli attivisti del movimento è "fortemente sconsigliato e in futuro sarà vietato" farsi ospitare in televisione. Per questo Casalino ha messo le mani avanti: "Giudicatemi per quello che realmente sono, oltre i pregiudizi che purtroppo mi accompagnano. Ho partecipato ad un reality, ma è stato 13 anni fa. Ora sono maturato, ho fatto tante cose da allora. Credo di dover essere giudicato come persona". E chissà come regirebbero i grillini "scomunicati" (da Tavolazzi a Favia, alla stessa Salsi) se l'ex gieffino dovesse conquistare un posto in lista.

politica.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017