Excite

Napolitano: "Dopo Monti vigilerò su impegni Italia con UE". Prodi, no al Quirinale

  • YouTube

Intervenuto in videoconferenza al forum Ambrosetti di Cernobbio, Giorgio Napolitano ha parlato dei progressi fatti dall'Italia in merito alla crisi e della situazione della politica interna, soffermandosi sulla riforma della legge elettorale e sul dopo Monti.

Monti chiude su un bis di governo: "Finirò nel 2013"

Il Capo dello Stato ha elogiato il Paese che "ha realizzato in tempi straordinariamente serrati, meno di 10 mesi, un densissimo programma di provvedimenti volti al risanamento della finanza pubblica e all'avvio delle necessarie riforme strutturali", rafforzando "la sostenibilità della propria finanza pubblica" e riguadagnando "credibilità sui mercati e sullo scenario internazionale", ma ha altresì invitato a non abbassare la guardia.

"Non ci sfuggono la gravità del peso del nostro debito pubblico e i nodi ancora da sciogliere in politica ed economia" ha infatti aggiunto Napolitano, sostenendo che la strada da percorrere per uscire dalla crisi è quella che porta a un'Europa unita, sempre più forte e coesa: "E' necessaria una europeizzazione delle forze politiche italiane".

E a proposito di politica internazionale, il Presidente della Repubblica ha inviato un chiaro messaggio alle cancellerie europee e agli Stati Uniti, che nelle ultime settimane avevano espresso crescente preoccupazione per gli scenari politici successivi alla fine dell'attuale legislatura, garantendo di vigilare in prima persona "perché in Italia venga condiviso l'impegno a dar seguito e sviluppo agli impegni presi in sede europea". Un assist che ha permesso a Napolitano di parlare anche della riforma della legge elettorale, chiedendo che sia realizzata in tempi brevi "per garantire la governabilità del sistema politico" e concludendo: "Le elezioni sono da tenersi entro e non oltre aprile 2013".

Prodi risponde a Vendola: "Quirinale? Non è cosa"

Da Cernobbio intanto è arrivata anche la risposta di Romano Prodi alla sua candidatura al Quirinale avanzata da Vendola nei giorni scorsi: "Quirinale? Vendola è responsabile delle sue parole. È carino a fare il mio nome ma io direi: non è cosa" ha dichiarato il professore ai microfoni di Sky Tg24, rispondendo anche con la consuetaa diplomazia alle domande su un probabile Monti-bis: "Se c'è un'impasse credo che Monti sarà ancora disposto a servire il Paese, bene, come ha fatto ancora", altrimenti "dipenderà da come vanno le elezioni: se c'è un vincitore quello prende il governo".

politica.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017