Excite

Neve a Roma: polemiche Alemanno - Gabrielli

  • Infophoto

Forse il week end più difficile per il Sindaco di Roma Gianni Alemanno. La Capitale è rimasta bloccata sotto ghiaccio e neve per circa due giorni e forti, a quanto pare, sono state le responsabilità del Comune nella malagestione dei soccorsi.

Alemanno ha raccolto 48 ore di critiche e, diciamolo, non ha fatto nulla per scansarle. Anzi, si è sovraesposto mediaticamente con un tour de force comunicativo che ha avuto il culmine con la staffetta domenicale Annunziata - Telese.

GUARDA LE FOTO DI GIANNI ALEMANNO A "IN ONDA" SU LA 7

La linea è una: "la colpa è della Protezione Civile". E così ecco l'attacco diretto a Franco Gabrielli, presente in studio "Con una situazione come quella che sta vivendo l'Italia, la Protezione Civile non può rimanere così e su questo è d'accordo anche Gabrielli: anche lui ha detto che c'è una Protezione Civile fortemente depotenziata in termini di risorse e mezzi" [...] "Ai tempi di Bertolaso, quando c'era un'emergenza di carattere nazionale lui si faceva nominare commissario e interveniva direttamente".

Insiste il Sindaco: "Gabrielli non lo fa più perchè sono diminuiti i poteri e la libertà di spesa della Protezione Civile che depotenzia gli interventi. È chiaro che se l'informazione meteo fosse stata adeguata alla realtà dei fatti avremmo sollecitato maggiormente anche altri: dovrebbe essere la Protezione Civile a chiedere l'intervento dell'esercito e non noi o la Regione". [...] "In termini di allerta e di capacità di intervento, la Protezione civile purtroppo in Italia non c'è più. È una realtà purtroppo burocratica" [...] "Non mi interessa, chiedere le dimissioni di Franco Gabrielli, ma se fossi al suo posto mi dimetterei e non rimarrei a guidare un ente inutile".

Gabrielli non ci sta: "Contesto tutte le affermazioni del sindaco"[...] "Non è vero che l'indebolimento della protezione civile si sia riverberato nella vicenda di Roma. In ogni caso, la protezione civile di Gabrielli e di Bertolaso, si sarebbero comportate alla stessa maniera. Lei non può dire cose che non stanno nè in cielo nè in terra. [...] "Al di là di ogni dubbio, i bollettini meteo che sono stati emanati nei confronti della regione Lazio, sono corretti".

Il punto è infatti che Alemanno riversa tutta la colpa dell'accaduto su informazioni meteo errare giunte dalla protezione civile. Ma Gabrielli nega: "In vista dell'ondata di maltempo che ha colpito anche la capitale, giovedì scorso ho convocato un Comitato operativo nazionale della Protezione civile sull'emergenza maltempo in arrivo, cui erano presenti anche Comune di Roma, Provincia e Regione Lazio: avevamo ben presente situazione eccezionale che si profilava. Ho chiesto a tutti i partecipanti se c'erano criticità e se c'era bisogno del concorso del sistema nazionale e nessuno ha formulato richieste".

Quindi il Sindaco non avrebbe chiesto aiuto e il perchè starebbe tutto in una cattiva interpretazione dei bollettini: "nel bollettino meteo di giovedì si parlava di 35 millimetri"... tuonava ieri Alemanno. Ma, come sanno gli addetti ai lavori, i millimetri, in caso di neve, vanno trasformati in centimetri. Quindi il sindaco ha creduto stesse per cadere su Roma un decimo di quanto indicato dalla Protezione Civile.

Da Telese poi, in serata, Alemanno è agitato. Ha raccolto critiche da centinaia di migliaia di cittadini imbufaliti, rimasti fino a 8 ore bloccati in auto o sui mezzi pubblici, prigionieri di una Roma ghiacciata e immobile. Su Twitter è una valanga di insulti e qualcuno gli viene letto in diretta.

Alemanno urla, si difende, usa il tu con Telese, parla in "romanaccio" e suda, vestito di una tuta da neve in pile nera e grigia, "modello Cortina". Sembra un interrogatorio, ma non per colpa dei conduttori. Nicola Porro cerca di calmare il Sindaco ma senza risultati. La storia è la stessa di quella raccontata dall'annunziata, con qualche perticolare in più.

La colpa è sempre della Protezione Cvile e del Meteo errato "Non sono in grado di garantire la sicurezza dei cittadini con questo tipo di informazioni che non sono adeguate e senza una struttura sovraordinata a cui fare riferimento" [...] "Ho un bollettino su oggi che mi dice: 'parzialmente nuvoloso con locali addensamenti associati a brevi episodi nevosi specialmente tra pomeriggio/sera e la notte. Pomeriggio/sera non è successo niente. Ora, stanotte cosa succederà? Dobbiamo interpretare le stelle per saperlo"?.

Poi una simpatica parentesi botanica del sindaco che, non accettando le accuse relative agli alberi crollati per il peso della neve, afferma che gli alberi della capitale non sono abituati alla neve e si rompono facilmente. I pini di Roma (come cantava Venditti), la vita non li spezza, il gelo sì.

Di chi è quindi la colpa? Di Alemanno? Di Gabrielli? O di Madre Natura?

Lite Gabrielli-Alemanno a In 1/2 ora

In Onda - 5 febbraio 2012

politica.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016