Excite

Nichi Vendola e il termine 'compagni'. La polemica

  • Foto:
  • ©LaPresse

Pioggia di polemiche sul governatore della Puglia Nichi Vendola. Tutto è nato durante la presentazione del libro di Goffredo Bettini 'Oltre i partiti', occasione in cui Vendola ha affermato l'importanza di non essere solo 'compagni', ma anche 'amici'.

Il leader di Sinistra e Libertà ha detto: 'Nel Pci mi dicevano che non si doveva dire 'amico', che bisognava dire 'compagno'. Ho passato tutta la vita a ripetermi questa frase. Ma ora ho capito che era una stronzata, perché è stato un alibi per molti crimini. Io preferisco stare con molti amici, che mi aiutano a crescere'.

Parole che non sono passate inosservate e che hanno scatenato l'accesa reazione dei suoi sostenitori, i quali si sono fatti sentire attraverso il web. In molti hanno criticato l'osservazione del governatore della Puglia, temendo un suo dietrofront e accusandolo di vendersi pur di piacere un po' a tutti quanti.

La replica del leader di Sinistra e Libertà, nata da una scissione di Rifondazione comunista, è arrivata attraverso Repubblica.it. Vendola ha detto di essere stato mal interpretato e ha spiegato: 'Non ho mai rinunciato ad una parola che mi accompagna sin da quando ero ragazzino: 'compagno'. Parola che trovo bellissima, e che significa spezzare il pane insieme'.

Il governatore della Puglia ha quindi sottolineato: 'Ho semplicemente criticato un'idea che nel vecchio Pci era abbastanza consolidata, che all'interno del partito bisognasse essere compagni ma non necessariamente amici. E talvolta si poteva essere compagni coltivando tenaci inimicizie'.

Vendola ha quindi così concluso: 'Io oggi penso che questa fosse una concezione sbagliata, e che nei luoghi della politica a sinistra bisogna trovare, occasioni di arricchimento umano, occasioni per stringere relazioni interpersonali che possano essere di reciproco giovamento'.

politica.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016