Excite

Niente Gay Pride a S.Giovanni, c'è la Chiesa

"Ad appena nove giorni dallo svolgimento della parata di sabato 7 giugno, la Questura di Roma ha ritirato l'autorizzazione, concessa originariamente in data 11 aprile, a concludere la parata a Piazza San Giovanni con la motivazione di un concomitante convegno e concerto corale all'interno dei Palazzi Lateranensi". Nasce così, con una nota del Circolo Mario Mieli (organizzatore dell'evento), una nuova polemica sul Roma Pride 2008, che prevedeva appunto la chiusura a Piazza San Giovanni (vedi mappa).

> Guarda le foto del Gay Pride 2007 a Roma

Secondo l'Arcigay, "non è ammissibile che dopo che l'autorizzazione è stata data dalla Questura l'11 aprile, il Comitato Organizzatore venga a scoprire ieri che la stessa è stata ritirata. Quali problemi d'ordine pubblico - dice il presidente dell'associazione Aurelio Mancuso - potrebbero sorgere tra una parata che sfila nelle vie di Roma e si conclude nella serata nella storica piazza e un'iniziativa della gerarchia cattolica dentro le mura della Basilica? Esprimiamo la nostra solidarietà e chiediamo al Ministero degli Internidi garantire il regolare svolgimento della manifestazione".

Polemici anche i commenti dei Radicali: "Ricordiamo alla questura, e al Vaticano, che il Gay pride si svolgerà in orario pomeridiano e certamente per le ore 21 sarà concluso. Riteniamo quindi del tutto inaccettabile questo diniego e ci auguriamo che le autorità rivedano questa loro decisione, nella quale si potrebbe scorgere un profumo d'incenso per gratificare le gerarchie vaticane che, lo ricordiamo, non sono proprietarie della piazza".

Paola Concia del Pd ha annunciato che presenterà un'interrogazione parlamentare sulla questione e dichiara: "Vogliono costruire un clima pessimo e di pregiudizio su una manifestazione che è di natura pacifista".

Il percorso del Roma Pride 2008

politica.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016