Excite

Noemi e Ruby fecero sesso con Berlusconi. L'agente Chiesa: "Sapeva che erano minorenni"

  • Getty Images/Serviziopubblico

Servizio pubblico torna ad occuparsi del caso Ruby e del processo a carico di Silvio Berlusconi per le "cene eleganti" di Arcore. Sandro Ruotolo ha intervistato Francesco Chiesa Soprani, l'ex agente di Noemi Letizia, la ragazza di Casoria che frequentava le residenze dell'ex premier, divenuta famosa dopo la celebre festa di 18 anni cui il premier si presentò in veste di invitato.

Processo Ruby, il pm: "Ad Arcore un collaudato sistema prostitutivo"

Chiesa spiega che tra Berlusconi e la ragazza ci sarebbe stato un rapporto sessuale quando lei era ancora minorenne e che a confessarglielo sarebbe stata la stessa Noemi: "Mi disse di come conobbe il premier e mi spiegò che quando era minorenne, a Roma, ci fu un rapporto consenziente". Una tesi che Soprani aveva già sostenuto diversi mesi fa in un'intervista e che ora decide di ribadire alle telecamere di Servizio pubblico, soprattutto alla luce dell'attuale situazione politica che vede in Cavaliere ancora in primo piano: "Non voglio che l’Italia venga governata... o comunque che gli italiani non si rendano conto di chi è una persona - dice l'agente in riferimento a Berlusconi - Non era amico del padre, e siccome questo lo so, lo voglio dire agli italiani. Italiani: non era amico del padre. Domani mi minacciano? Domani mi sparano? Sono contento così".

Ruby protesta al Tribunale di Milano: "Attaccano me per colpire Berlusconi"

Nella stessa intervista Soprani spiega di aver parlato anche con Karima El Marough, meglio nota come Ruby Rubacuori, protagonista la scorsa settimana di una clamorosa protesta davanti al Tribunale di Milano: anche lei gli avrebbe confessato di aver avuto rapporti con il Cavaliere, anche lei da minorenne. E soprattutto, l'agente spiega che sia Berlusconi (imputato a Milano per induzione alla prostituzione minorile e concussione) sia Lele Mora ed Emilio Fede (anche loro imputati per prostituzione) erano perfettamente a conoscenza dell'età di Ruby. Tutti sapevano che si trattava di una minorenne.

Soprani l'aveva contattata per lavoro, ma Ruby rispose che non poteva svolgere alcuna attività lavorativa in quanto minorenne, spiegando di avere già chi provvedeva per lei: "Io le spiegai che facevo l'agente televisivo e Ruby mi disse: 'Guardi che qua io ho già Lele Mora, Emilio Fede e Silvio Berlusconi che si stanno occupando di me, siccome sono minorenne' e quindi Berlusconi sa che è minorenne. 'Io sto qua perché mi pagano la casa, mi danno i soldi, mi fanno divertire'... E poi ha concluso dicendo 'scopata più, scopata meno, ormai'...". L'intervista completa in onda nella puntata di giovedì 11 aprile a Servizio pubblico.

L'intervista di Sandro Ruotolo a Francesco Chiesa Soprani

politica.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017