Excite

Norma “Salva Silvio”, Berlusconi libero dalle condanne e di nuovo in politica? Approvate cinque righe che potrebbero salvarlo

  • Twitter

di Simone Rausi

UPDATE: Il Premier blocca la cosiddetta norma "Salva Silvio" in quanto "non si fanno leggi ad personam". Uffici di Palazzo Chigi hanno fatto sapere che "il premier ha chiesto questa mattina agli uffici di non procedere - per il momento - alla formale trasmissione alla Camera del testo approvato in Consiglio dei Ministri. La proposta tornerà prima in Consiglio dei Ministri, poi alle Commissioni, quindi di nuovo in Consiglio per l'approvazione definitiva entro i termini stabiliti dal Parlamento e cioè entro marzo 2015".

Silvio Berlusconi potrebbe cancellare la sua condanna a 4 anni nel processo Mediaset, ripulire la fedina penale e persino tornare in politica (ma se n’è veramente mai andato?). Più che fantapolitica al momento è un giallo. Già perché il decreto legislativo sui rapporti tra fisco e contribuenti approvato dal consiglio dei Ministri la scorsa vigilia di Natale non si capisce bene da quali mani è venuto fuori (Padoan? Renzi? Volontà collettiva o iniziativa individuale?) e non è ancora del tutto chiaro se possa essere applicato a Silvio nostro (anche se appare decisamente probabile). Intanto c’è già chi ha ribattezzato la norma “Super Salva Silvio”.

Silvio Berlusconi e Francesca Pascale vicini alla rottura?

Il decreto infatti esclude la punibilità “quando l’importo delle imposte sui redditi evase non è superiore al 3% del reddito imponibile dichiarato”. Sotto al 3%, insomma, la si scampa. E Berlusconi, secondo la sentenza Mediaset, raggiunge una percentuale dell’1,91%. Oggi non sarebbe più condannabile, non ci sarebbe l’interdizione dai pubblici uffici e l’esclusione dalle candidature politiche. A questo punto, ecco il domandone: la norma può essere retroattiva? Secondo il presidente dell’Associazione Nazionale Magistrati, Rodolfo Maria Sabelli (che ha approfondito la norma), assolutamente si.

Berlusconi potrebbe quindi chiedere al Tribunale di revocare la condanna definitiva così da cancellare l’esclusione per sei anni dalle scene politiche in veste di protagonista e porre fine ai servizi sociali (che comunque termineranno il prossimo mese). La domanda (già venata di accusa) che tutti si fanno è: Renzi ha favorito Berlusconi con questa norma Salva Silvio? Il premier smentisce categoricamente e ironizza sul fatto che il primo nome di Forza Italia possa essere di nuovo candidabile. Anche David Ermini, responsabile Giustizia del Pd, interviene sull’argomento: “Favori a Berlusconi da parte di Matteo? Li escludo. Se questa norma dovesse dare adito a simili conseguenze la cambieremo".

E mentre si indaga su chi e come abbia inserito queste cinque righe di norma alla vigilia di Natale si attende il parere delle Commissioni Finanze di Camera e Senato. Un parere che però non è affatto vincolante ma che almeno proverà a chiarire meglio la questione. La norma, naturalmente, gioverà non solo a Berlusconi ma anche a tutti i processati per reati analoghi.

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017