Excite

Nucleare, arriva lo stop del governo

Il governo ferma il programma sul nucleare. A quanto pare l'esecutivo ha inserito nella moratoria già prevista nel decreto legge Omnibus, all'esame dell'aula del Senato, l'abrogazione di tutte le norme previste per la realizzazione di impianti nucleari nel Paese.

L'emendamento all'articolo cinque del decreto legge Omnibus stabilisce che 'non si procede alla definizione e attuazione del programma di localizzazione, realizzazione ed esercizio nel territorio nazionale di impianti di produzione di energia elettrica nucleare'.

Con questa decisione va a saltare il referendum sul nucleare proposto dall'Idv e fissato per il 12 e 13 giugno prossimi (leggi la notizia). Nel dettaglio l'emendamento recita: 'Al fine di acquisire ulteriori evidenze scientifiche mediante il supporto dell'Agenzia per la sicurezza nucleare, sui profili relativi alla sicurezza nucleare, tenendo conto dello sviluppo tecnologico in tale settore e delle decisioni che saranno assunte a livello di Unione Europea, non si procede alla definizione e attuazione del programma di localizzazione, realizzazione ed esercizio nel territorio nazionale di impianti di produzione di energia elettrica nucleare'.

Secondo alcune indiscrezioni, il governo avrebbe deciso di fermare il programma sul nucleare per il timore che il referendum possa raggiungere il quorum necessario per la sua validità. Probabilità assai elevata, soprattutto dopo il disastro che si è registrato in Giappone.

La notizia dell'emendamento al decreto Omnibus è stata così commentata dal presidente nazionale di Legambiente Vittorio Cogliati Dezza: 'Consapevoli che il quorum nel referendum di giugno sarebbe stato raggiunto e che la stragrande maggioranza degli italiani, di tutti gli schieramenti politici, sono contrari al nucleare, il governo ha deciso di abrogare le norme per la realizzazione di nuove centrali atomiche. Salta quindi anche il referendum ma non cala l'attenzione da parte delle associazioni che continueranno invece a vigilare affinché il nucleare cacciato ora dalla porta non si riaffacci dalla finestra, magari tra un anno, quando le acque si saranno calmate e l'incubo di Fukushima sarà meno opprimente'.

 (foto © LaPresse)

politica.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016