Excite

Nuove province, la lista: 35 eliminate

Il Ministero della Funzione Pubblica sceglie Twitter per annunciare la notizia: "‏@FunzPub approvato il riordino delle Province". Si passa così da 86 a 51 a statuto ordinario, comprese le città metropolitane: tagliate 35. Il capo del ministero, Patroni Griffi, ha confermato che il decreto entrerà in vigore dal gennaio 2014 e a partire dal novembre 2013 verranno organizzate le elezioni per i nuovi presidenti di Provincia.

La mappa della nuova Italia: com'era, com'è

L'approvazione del decreto stacca la spina alle giunte provinciali dal primo gennaio 2013 e prevede la nomina di alcuni commissari nella fase di passaggio dalla vecchia alla nuova Italia fino al 2014. Griffi durante la conferenza stampa a Palazzo Chigi di questa mattina ha spiegato che gli attuali capi delle Province potranno delegare al massimo 3 consiglieri che dovranno adempiere a: "bilanci, ricognizione dotazione organiche, del patrimonio immobiliare".

Province abolite, le polemiche

Una riforma di ispirazione europea che promuove l'ente amministrativo, città metropolitana (anche detta area metropolitana) previsto per la prima volta dalla legge 8 giugno del 1990. Per città metropolitane si intendono tutte le città accorpate ai Comuni (territori) simili sotto il profilo della cultura, economia e servizi sociali. Per quanto riguarda le Province a statuto speciale (Valle d'Aosta, Trentino Alto Adige e Sicilia, Friuli) il Ministro ha annunciato il rinvio del riordino dato che "la legge sulla spending concedeva a queste realtà 6 mesi di tempo in più".

Con la ristrutturazione e l'accorpamento delle Province non cambieranno solo le competenze ma anche i nomi delle nuovi enti. Scatta il totonome e su Twitter gli utenti si divertono ad inventare. Scrive Riccardo Santagati ‏@riccardosantaga: "Si cercano nomi per una nuova provincia: Astisandria? Alessasti? AlèAsti? Mi sa che questa non passerà facilmente". C'è chi ne approfitta per lanciare l'iniziativa: "‏@annagiunchi Nomi #province: perche' non farli scegliere ai cittadini? Evitare che in questo marasma generale sulla #province si generino degli interessi".

Ecco la lista delle nuove province:
- Piemonte: Torino, Cuneo, Asti-Alessandria, Novara-Verbano-Cusio-Ossola, Biella-Vercelli
- Liguria: Imperia-Savona, Genova, La Spezia
- Lombardia: Milano-Monza-Brianza, Brescia, Mantova-Cremona-Lodi, Varese-Como-Lecco, Sondrio, Bergamo, Pavia
- Veneto: Verona-Rovigo, Vicenza, Padova-Treviso, Belluno, Venezia
- Emilia Romagna: Piacenza-Parma; Reggio Emilia-Modena, Bologna, Ferrara, Ravenna-Forlì-Cesena-Rimini
- Toscana: Firenze-Pistoia-Prato, Arezzo, Siena-Grosseto, Massa Carrara-Lucca-Pisa-Livorno
- Marche: Ancona, Pesaro-Urbino, Macerata-Fermo-Ascoli Piceno
- Umbria: Perugia-Terni.
- Lazio: Roma, Viterbo-Rieti, Latina-Frosinone
- Abruzzo: L'Aquila-Teramo, Pescara-Chieti
- Molise: Campobasso-Isernia
- Campania: Napoli, Caserta, Benevento-Avellino, Salerno.
- Puglia: Bari, Foggia-Andria-Barletta-Trani, Taranto-Brindisi, Lecce.
- Basilicata: Potenza-Matera.
- Calabria: Cosenza, Crotone-Catanzaro-Vibo Valentia, Reggio Calabria.

politica.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017