Excite

Obama, stop al divieto per i gay di entrare nell'esercito

"Sono qui con un messaggio semplice. Sono con voi in questa battaglia: porrò fine alla politica del don't ask, don't tell". Con queste parole sabato sera, in occasione della cena organizzata per la raccolta di fondi a beneficio dell'organizzazione Human Right Campaign, il presidente degli Stati Uniti Barack Obama ha manifestato l'intenzione di porre fine al divieto per i gay dichiarati di entrare nell'esercito. La politica del "don't ask, don't tell" (non chiedere, non dire) è stata introdotta nel 1993 dall'allora presidente Bill Clinton e consentiva ai gay di arruolarsi solo a patto di non dichiarare il proprio orientamento sessuale.

Adesso Obama ha deciso di cambiare le cose in linea con quanto promesso durante la campagna elettorale, durante la quale aveva affermato che avrebbe combattuto le discriminazioni contro gli omosessuali e avrebbe permesso ai gay di prestare servizio liberamente nelle forze armate. Il presidente Usa ha poi aggiunto: "Il mio impegno con voi è fermo, anche se ci troviamo di fronte a problemi enormi (oltre alla questione del reclutamento per i militari, anche quella del matrimonio fra persone dello stesso sesso bandito dal Defence of Marriace Act). Non dubitate della direzione che abbiamo intrapreso e del punto in cui arriveremo. Abbiamo fatto progressi e ne faremo ancora". Così Obama ha voluto rispondere agli attivisti gay che lo hanno accusato di non aver ancora mantenuto le belle parole pronunciate in campagna elettorale.

 (foto © LaPresse)

politica.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016