Excite

Par condicio, la Rai conferma lo stop dei talk show

Anche se il Tar del Lazio, accogliendo il ricorso di Sky e Telecom Italia Media, ha bloccato il regolamento dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni nella parte che blocca i talk show in periodo elettorale, il consiglio d'amministrazione della Rai ha deciso di non dare il via libera ai programmi di approfondimento fermati. Rimane quindi quanto deciso lo scorso primo marzo a proposito del regolamento sulla par condicio.

Con cinque voti favorevoli e quattro contrari il Cda di viale Mazzini ha approvato una delibera la quale conferma quella che sospendeva la messa in onda di 'Annozero', 'Porta a Porta', 'Ballarò' e 'Ultima parola'. Come riportato su La Repubblica, il Cda ha dato mandato al direttore generale della Rai Mauro Masi di rappresentare alla commissione parlamentare di Vigilanza la situazione che si è creata e per acquisire le valutazioni dell'organismo parlamentare ed oggi si riunirà l'ufficio di presidenza della commissione di Vigilanza Rai che ascolterà Masi.

Il presidente della Rai Paolo Garimberti ha votato contro la soluzione decisa dal Cda. A quanto pare Garimberti ha detto di essere deluso e amareggiato 'per la divisione' e 'per la mancata ripresa dei talk show'.

Ieri, poi, è stata recapitata la lettera del presidente dell'Agcom Corrado Calabrò, nella quale lo stesso Calabrò informava di aver scritto anche alla commissione parlamentare di Vigilanza per le valutazioni del caso e ricordava alla Rai l'invito a riconsiderare la decisione sulla sospensione delle trasmissioni, e il presidente Rai auspicava che la misiva potesse in qualche modo sbloccare la situazione.

In seguito alla decisione del Cda Rai i consiglieri di amministrazione del centrosinistra, Rodolfo De Laurentiis, Nino Rizzo Nervo e Giorgio Van Straten, hanno fatto sapere: 'Esprimiamo il nostro voto contrario perché si tratta di una decisione dilatoria che non sana la forzatura di interpretazione del regolamento compiuta quando a maggioranza fu decisa la sospensione di quattro trasmissioni di approfondimento. L'ordinanza del Tar sulla delibera dell'Agcom e l'invito della stessa Autorità di garanzia a riconsiderare la delibera assunta dal cda avrebbero dovuto indurre la Rai a ricollocare in palinsesto da subito gli approfondimenti informativi. Siamo tra l'altro convinti che la conferma della sospensione rende concreto il rischio per l'azienda di sanzioni'.

Questo il commento del conduttore di 'Ballarò', Giovanni Floris: 'E' una decisione sbagliata, un errore in una situazione già caotica, grottesca e paradossale'.

 (foto © LaPresse)

politica.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016