Excite

Pd, Walter Veltroni presenta il "governo ombra"

Walter Veltroni ha varato il cosiddetto "governo ombra", annunciando 'una squadra per contrastare il governo Berlusconi ma anche per proporre soluzioni alternative ai problemi del paese'.

> Guarda la fotogallery 'non convenzionale' con tutti i ministri ombra

Ecco i nomi dei ministri ombra: Marco Minniti (interno), Piero Fassino (esteri), Pierluigi Bersani (economia), Enrico Letta (welfare) Linda Lanzillotta (pubblica amministrazione), Ermete Realacci (ambiente), Giovanna Melandri (comunicazione), Vincenzo Cerami (cultura), Lanfranco Tenaglia (Giustizia), Maria Pia Garavaglia (Istruzione), Matteo Colaninno (Sviluppo economico), Roberta Pinotti (Difesa), Alfonso Andria (Agricoltura), Andrea Martella (Infrastrutture), Mariangela Bastico (Regioni), Sergio Chiamparino (Riforme), Vittoria Franco (Pari opportunità), Beatrice Magnolfi (Semplificazione), Maria Paola Merloni (Politiche comunitarie), Michele Ventura (Attuazione del programma), Pina Picierno (Politiche giovanili). Ricardo Franco Levi portavoce del governo ombra, Enrico Morando coordinatore dell'esecutivo (alter ego di Gianni Letta).

Con la nascita del "governo ombra" cesserà di esistere l'esecutivo ma nasce un coordinamento di cui faranno parte Piero Fassino, Pier Luigi Bersani ed Enrico Letta oltre allo stesso vicesegretario, a Goffredo Bettini, Antonello Soro e Anna Finocchiaro, Beppe Fioroni per il coordinamento organizzativo e a Paolo Gentiloni che coordinerà il settore comunicazione.

Veltroni rivendica la presenza femminile: "Nel governo Berlusconi sono 4 su 21 ovvero il 19%, nel nostro 9 su 21 e cioè il 43%. Anche in questa struttura abbiamo voluto rispettare gli obiettivi di parità di genere che ci siamo dati". E chiarisce sull'esclusione della Bindi: "Rosy Bindi è vicepresidente della Camera, ha già un incarico".

Di Pietro, seppur fuori dal governo ombra, approva le scelte di Veltroni: "Auguriamo al governo ombra di poter svolgere al meglio il proprio lavoro. Ad esso assicuriamo il nostro appoggio e apporto costruttivo nel rispetto per l'alleanza e dell'impegno preso con gli elettori. Il governo ombra pare professionalmente più credibile e competente del governo Berlusconi".

Polemici i Giovani Democratici del Pd, che hanno annunciato le dimissioni: "Mentre il Popolo delle Libertà affida alla trentunenne Giorgia Meloni il ministero delle politiche giovanili Veltroni e Franceschini propongono Pina Picierno. Una scelta non condivisa con nessuno dei soggetti che fanno parte del Comitato promotore dei Giovani Democratici", dice il rappresentante Roberto Speranza.

politica.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016